Abruzzo: cassa integrazione aumentata di 15 volte a causa del Covid

Abruzzo: cassa integrazione aumentata di 15 volte a causa del Covid

È stato presentato questa mattina, in videoconferenza, il rapporto annuale sul 2019 di Bankitalia “L’economia dell’Abruzzo”. La pandemia di Covid-19 ha colpito l’economia regionale in una fase di rallentamento. In base alle stime di Prometeia, nel 2019 il PIL ha ristagnato sui livelli dell’anno precedente. Il valore aggiunto è stimato in calo nell’industria dove, interrompendo il precedente trend positivo, le esportazioni sono diminuite, riflettendo principalmente il calo della domanda nei mercati della UE. Nelle costruzioni l’attività produttiva ha rallentato, anche per il minore sostegno fornito dalle opere di ricostruzione nell’area colpita dal sisma del 2009. Nel mercato del lavoro il numero degli occupati è lievemente diminuito, sebbene in un contesto di graduale miglioramento della qualità delle posizioni lavorative. Il tasso di disoccupazione è nuovamente aumentato, anche tra i lavoratori più giovani.

Il rapporto analizza poi l’impatto dell’emergenza coronavirus sull’economia regionale. Le misure di distanziamento sociale e la chiusura parziale delle attività nei mesi di marzo e di aprile hanno avuto anche in Abruzzo pesanti ripercussioni. Stime della Banca d’Italia indicano una perdita complessiva di valore aggiunto pari a oltre un quarto del totale. In Abruzzo alle unità produttive interessate dal blocco è riconducibile quasi il 60 per cento del valore aggiunto industriale, un dato superiore a quello del Mezzogiorno e in linea con la media nazionale. Nel settore delle costruzioni il numero di ore lavorate si è più che dimezzato nel mese di marzo, in concomitanza con i primi provvedimenti di chiusura dei cantieri. Nel terziario, specie nei comparti della ristorazione, intrattenimento e accoglienza, gli effetti negativi delle sospensioni sono stati particolarmente profondi e potrebbero rivelarsi più duraturi. Il sistema produttivo regionale sta tuttavia affrontando la crisi attuale in condizioni finanziarie migliori rispetto al passato. I provvedimenti di blocco delle attività hanno tuttavia sottoposto le aziende coinvolte a un elevato stress finanziario, accrescendone il fabbisogno di liquidità. In base a elaborazioni di Bankitalia, le imprese abruzzesi a rischio di illiquidità nei settori sottoposti a chiusura sono state circa un quarto del totale, prevalentemente concentrate nelle attività di alloggio e ristorazione.

Le ripercussioni sul mercato del lavoro sono state considerevoli, in un contesto già caratterizzato dall’interruzione dell’espansione dell’occupazione. Secondo elaborazioni della Banca d’Italia sui dati Istat, circa un terzo degli occupati in regione è stato interessato dal blocco delle attività produttive non essenziali. Nei mesi di marzo e aprile, secondo i dati sulle Comunicazioni obbligatorie, il numero delle nuove posizioni lavorative dipendenti attivate nel settore privato si è dimezzato rispetto all’anno precedente. Il numero complessivo di occupati nel primo trimestre è sensibilmente diminuito. Nel primo quadrimestre del 2020 il numero di ore autorizzate di Cassa integrazione guadagni è aumentato di quindici volte rispetto allo stesso periodo del 2019.

Le condizioni economico-finanziarie delle famiglie si presentavano complessivamente favorevoli all’avvio dell’emergenza sanitaria. Il reddito disponibile ha continuato a crescere nel 2019, consolidando la ripresa in atto da alcuni anni, e la sua distribuzione si presenta in regione meno diseguale rispetto alla media nazionale. Il grado di indebitamento delle famiglie abruzzesi risulta contenuto nel confronto con il dato italiano, per effetto della minore incidenza dei prestiti per l’acquisto di abitazioni. Nel primo trimestre le nuove erogazioni di mutui sono diminuite e il credito al consumo ha rallentato, in connessione con il calo della spesa per beni durevoli. Nel primo trimestre del 2020 è proseguita la lieve flessione del credito ai residenti in regione registrata nell’ultima parte dell’anno precedente. La dinamica del credito alle imprese è rimasta debole. I prestiti alle famiglie hanno ulteriormente rallentato, soprattutto a partire dal mese di marzo, quando si è manifestata l’emergenza sanitaria. La qualità del credito appare al momento migliore rispetto alla situazione osservata all’inizio della precedente crisi, sebbene il tasso di deterioramento si collochi ancora al di sopra della media nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *