Arte, il progetto Celeste muove i primi passi a Teramo con l’evento LAVAPIU

Arte, il progetto Celeste muove i primi passi a Teramo con l’evento LAVAPIU

Un interessante progetto di arte contemporanea muove i suoi primi passi nella città di Teramo. Si chiama Celeste ed è animato dagli artisti Alessandro Di Massimo e Claudia Petraroli. “Celeste è un progetto curatoriale post-pandemico e pro-apocalittico – dichiarano i due artisti – che esplora possibilità espositive prive di speranza. Celeste è un artist-run space nomade, che nasce in un contesto periferico e che intende celebrare gli spazi irrilevanti, coinvolgendo una rosa di artist* nazional* e internazional*“.

Il primo evento presentato da Celeste si chiama LAVAPIU, e occuperà per circa un anno la vetrina dell’omonima lavanderia a gettoni nel quartiere della Gammarana, a Teramo. A partire dal mese di Luglio una serie di artist* nazional* ed internazional* si alterneranno realizzando delle opere che saranno installate sulla vetrina della lavanderia a gettoni. Il primo intervento in programma è quello dell’artista Scozzese Jamie Watt, che presenterà un lavoro sulle relazioni tra turismo di massa, capitalismo e contesto pandemico. Mentre, il secondo consisterà in un opera dell’artista pescarese Lorenzo Kamerlengo. Le opere saranno esposte per un periodo di due mesi ciascuna e visitabili ventiquattro ore su ventiquattro.

Attraverso l’uso di un QR code sarà possibile ottenere informazioni sull’opera e sull’artista, mentre la documentazione dei vari interventi sarà archiviata sulla pagina Instagram @celeste.kunst

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *