Atri: da lunedì 8 giugno il “San Liberatore” riaprirà tutti i servizi pre-Covid

Atri: da lunedì 8 giugno il “San Liberatore” riaprirà tutti i servizi pre-Covid

Da lunedì 8 giugno l’ospedale San Liberatore di Atri tornerà a garantire agli utenti tutti i servizi che venivano offerti prima dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, compresi i ricoveri. A comunicarlo è il sindaco di Atri, Piergiorgio Ferretti. Il ritardo per questa riapertura, spiega una nota dell’amministrazione comunale, è dovuto ai lavori che sono stati eseguiti in questo periodo nel nosocomio e che hanno subito rallentamenti a causa dell’emergenza. Sono stati eseguiti interventi di messa a norma e di ristrutturazione.

Ferretti saluta la notizia con soddisfazione e chiede all’autorità sanitaria regionale di far uscire Atri dal piano pandemico della Regione, “alla luce delle evidenze che vedono l’emergenza in una fase non più critica e anche in considerazione delle nuove strutture reperite sul territorio, in particolare a Teramo e Pescara” per la gestione del Covid-19. “Il nostro ospedale e i suoi operatori – aggiunge Ferretti – hanno svolto un lavoro lodevole e encomiabile superando con grande professionalità e umanità i giorni più duri dell’emergenza, ora torneremo a garantire tutti i servizi, inclusi i ricoveri per tutti coloro che hanno bisogno di cure e servizi sanitari”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *