Atri: due medici vanno in pensione e non ci sono più pediatri

Atri: due medici vanno in pensione e non ci sono più pediatri

Vanno in pensione due medici (Francesco Brandolini e Rosetta Maiorino) e ad Atri scatta l’emergenza pediatri. Tanto che il sindaco Piergiorgio Ferretti scrive una lettera al direttore generale della Asl, Maurizio Di Giosia, chiedendogli di procedere subito all’assegnazione di un incarico. “Tale situazione è divenuta oggettivamente critica – afferma Ferretti – e sta causando, sin d’ora, disservizi consistenti nella mancata programmazione delle visite pediatriche a discapito delle famiglie del territorio che stanno subendo conseguentemente gravi effetti negativi in termini di assistenza”. Il sindaco sottolinea che “non ci sono pediatri disponibili” per un incarico provvisorio, in attesa di provvedere all’assegnazione definitiva, nonostante il Comune abbia dato la disponibilità di locali per ospitare il pediatra. Ferretti ha anche verificato che Atri sia l’unico Comune abruzzese con popolazione superiore a 10.000 abitanti “a non avere nessun pediatra di libera scelta con ambulatorio che insiste nella città a prescindere dall’ambito territoriale”. Stante anche il particolare periodo di emergenza dovuto alla pandemia di Covid-19, che si riflette anche sul diritto all’istruzione “derivante dalla richiesta di tamponi e successivi certificati di guarigione per i discenti che frequentano le scuole dell’obbligo”, Ferretti chiede a Di Giosia “di procedere con urgenza al conferimento di un incarico, pregandola di prevedere per il pediatra assegnato l’obbligo di ambulatorio in Atri, al fine di sopperire e tamponare la carenza di pediatri che sussiste nel nostro ambito territoriale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *