Basket/B: Alessandro Esposito per il reparto lunghi della Tasp

Basket/B: Alessandro Esposito per il reparto lunghi della Tasp

Nuovo rinforzo per la Teramo a Spicchi che ingaggia ufficialmente Alessandro Esposito come rinforzo nel reparto dei lunghi. L’ala/centro 23enne ha infatti deciso di proseguire in Abruzzo la sua carriera in Serie B aggregandosi a un roster sempre più completo. Coach Simone Stirpe commenta: “Cercavamo fortemente un numero 4 che avesse certe caratteristiche e quindi la scelta è ricaduta di conseguenza su Alessandro. Esposito è un ottimo tiratore da 3 punti, sul parquet sa come muoversi e in questi anni ha mostrato una conoscenza del gioco sempre più completa. Ci aiuterà non poco ad aprire il campo e a creare spazi per gli altri. E soprattutto ci darà grossa fisicità a rimbalzo, elemento da non sottovalutare mai in un campionato fisico come quello di Serie B. Per lui mi auguro veramente che possa essere l’anno della sua definitiva consacrazione”. 

Chiare anche le motivazioni che hanno portato Esposito a scegliere di venire a giocare a Teramo: “Sapevo di essere attenzionato da un po’ dalla Teramo a Spicchi – racconta l’ala/centro – e quando si sono create le condizioni per siglare l’accordo sono stato proprio contento di firmare. Lo stop dovuto all’emergenza Covid è arrivato a poche settimane dal mio arrivo a Porto Sant’Elpidio, costringendo tutti a fermarsi. Mi manca la pallacanestro giocata e non vedo l’ora di iniziare la stagione. Sono veramente carico. E’ un bene che le partite di campionato riprenderanno a novembre così avremo il tempo necessario per rimetterci tutti in forma e costruire un gruppo che è praticamente nuovo. Dei futuri compagni conosco Giorgio Di Bonaventura da tempo per aver fatto con lui in passato dei raduni con le Nazionali U17 e U18. Avrò tempo per legare anche con gli altri. Ho parlato al telefono con il coach e ne ho avuto subito una buona impressione sia per quanto riguarda il suo modo di intendere la pallacanestro che per ciò che riguarda l’ambiente teramano”. E conclude: “Mi piace quando tutti sono coinvolti nelle azioni, all’occorrenza mi prendo le mie responsabilità in attacco ma mi piace aprire il campo giocando da 4 e far male col tiro da fuori. Mi considero un lungo atipico, che mette tutto quello che ha in campo sia in attacco che in difesa e se c’è da fare a sportellate di certo non mi tiro indietro”.   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *