Botte e minacce alla ex: arrestato 40enne di Martinsicuro

Botte e minacce alla ex: arrestato 40enne di Martinsicuro

Perseguita, minaccia e aggredisce la ex che lo aveva lasciato, mandandola all’ospedale per i traumi dovuti agli schiaffi e a una testata al volto. L’uomo violento, un 40enne di Martinsicuro, è stato arrestato dai carabinieri dopo che nei suoi confronti è scattato il Codice rosso per reati di violenza e stalking. Vittima della terribile vicenda una donna che, stanca dei comportamenti del compagno violento, si era convinta a troncare la relazione, segnata negativamente da quelle condotte. Ma il quarantenne non si era rassegnato all’idea di essere stato lasciato e aveva iniziato a tormentarla: non perdeva occasione per insultare la ex convivente, arrivando anche a minacciarla di morte impugnando un cacciavite e molestandola di continuo. Le offese arrivavano con messaggi sul cellulare conditi, anche in questo caso, da vere e proprie minacce.

Per la donna è stato necessario denunciare i fatti ai carabinieri di Martinsicuro: dal suo racconto è emerso che in una circostanza, a fine agosto, dopo averla attesa sotto casa, l’ex compagno l’ha minacciata apertamente di morte, ingiuriandola e colpendola prima con una manata sulla testa, poi con schiaffi in faccia e una testata al volto, causandole vari traumi ed ecchimosi sulle braccia e sul naso, oltre ad un trauma cranico minore. Lesioni giudicate guaribili dai sanitari del Pronto Soccorso dell’ospedale di San Benedetto del Tronto in dieci giorni.

La denuncia della donna ha fatto scattare le indagini coordinate dal sostituto procuratore del Tribunale di Teramo Greta Aloisi che ha chiesto al Gip Roberto Veneziano l’applicazione del Codice Rosso previsto per il reato di atti persecutori. Il giudice ha ordinato gli arresti domiciliari dell’uomo violento, poiché ricorreva l’aggravante di aver commesso i fatti nei confronti di una persona con la quale era stato legato sentimentalmente. L’uomo, nel pomeriggio di ieri, è stato rintracciato ed è stato sottoposto ai domiciliari con il braccialetto elettronico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *