Controguerra, venerdì “Alle 9 della Sera” ospita lo scrittore Gianluca Pomo

Controguerra, venerdì “Alle 9 della Sera” ospita lo scrittore Gianluca Pomo

Venerdì 23 aprile, alle 21, in collegamento streaming dalla pagina Facebook Bellavita Controguerra, l’assessorato alla cultura del Comune di Controguerra presenta il quinto appuntamento dell’iniziativa “Alle 9 della Sera”. Il progetto, elaborato dal vicesindaco e assessore alla cultura Fabrizio Di Bonaventura, avrà come titolo della serata “Guida all’Isola (di Milano)” con la partecipazione dello scrittore Gianluca Pomo. Interverrà anche Sandro Galantini, storico e giornalista.

«Lo scrittore ospite della serata – dichiara Di Bonaventura – lo abbiamo conosciuto personalmente in occasione della seconda edizione del Festival Letteratura di Viaggio BellaVita Controguerra nel 2019. Gianluca Pomo è nato a Milano nel 1984. È laureato in ingegneria chimica presso il Politecnico di Milano. Lavora nel settore energetico ed alterna i suoi propositi di ambizione lavorativa a quelli di natura più artistica. Ha hobby di ogni genere ed in particolar modo è un amante dei viaggi e della conoscenza dei luoghi nella loro essenza, vera passione coltivata sin da giovanissimo ed oggi di assoluta priorità nella sua vita. Ha pubblicato il suo primo libro, Viaggio dunque sono, nel 2017 (Edizioni Leucotea), con il quale ha ricevuto il riconoscimento Decanter D’Oro BellaVita Premio di Letteratura di Viaggio. A questo ha fatto seguito nel 2019 un secondo romanzo, Amor Roma (Morellini Editore) e, pure in quell’anno, La Guida all’Isola (di Milano) per Morellini Editore, che è appunto il libro di cui si parlerà la sera del 23 aprile». L’Isola è un antico borgo ricco di storie da raccontare e fragranze da respirare. In un micromondo immaginario delimitato dai terrapieni della ferrovia Garibaldi, dall’adiacente e futuristica Porta Nuova e dall’antico cimitero della Mojazza (ora P.le Lagosta) sorge oggi un quartiere trasformato e ricco di linfa vitale ma che raccoglie ancora una vivace e storica identità popolare. Un tempo era una gloriosa terra di cascine agricole, i Corpi Santi. Un’area, annessa alla città di Milano solo nel 1873, che accoglieva uomini e donne del sud che cercavano nel capoluogo lombardo uno spiraglio luminoso di futuro.

«Sono certo che la serata», conclude Di Bonaventura, «sarà avvincente per gli argomenti trattati creando pure grande curiosità grazie agli aspetti che Pomo metterà in evidenza. Come sono del pari certo che un giornalista esperto di viaggio come Sandro Galantini saprà dare un contributo rilevante. Unico rammarico, come per tutte le ultime iniziative, è l’impossibilità di partecipazione in presenza, una modalità che spero possa ripristinarsi il prima possibile».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *