Coronavirus, Atri: tamponi a ospiti e operatori della casa di riposo Santa Rita

Coronavirus, Atri: tamponi a ospiti e operatori della casa di riposo Santa Rita

Tamponi per tutti gli ospiti della casa di riposo Santa Rita di Atri della Asp n. 2 della provincia di Teramo. Gli operatori della Asl stanno effettuando su tutti gli utenti e gli operatori addetti ai servizi, divisi nei vari turni, la prova tampone prevista per fronteggiare l’emergenza coronavirus. La struttura atriana, informa un comunicato della Asp n.2, è stata blindata già dalla fine dello scorso febbraio con una serie di misure restrittive e di prevenzione sanitaria, quando ha cominciato a diffondersi l’allarme per una possibile pandemia. Bloccati tutti gli accessi e le visite esterne, ingressi consentiti solo agli operatori muniti di dispositivi di protezione che la stessa Asp ha provveduto a fornire. In questi giorni, le dotazioni protettive sono state ulteriormente incrementate con la consegna di 700 paia di guanti monouso in nitrile antiallergico, 1600 mascherine chirurgiche che si aggiungono alle 500 già fornite in precedenza di cui 100 di tipo Ffp2, 30 visiere, un termoscanner, piantane con gel igienizzante e flaconi per ricarica posti agli ingressi dei singoli piani. Il tutto per prevenire eventuali problematiche sanitarie che, al momento, non ci sono state.

“L’emergenza Covid19 – dichiara il presidente della Asp 2 Luca Di Pietrantonio – ha richiesto la mobilitazione di tutta la struttura Asp 2 anche durante giornate normalmente festive e misure straordinarie per fronteggiare una situazione, fino a pochi mesi fa, impensabile. Nonostante la casa di riposo sia gestita da una cooperativa, abbiamo ritenuto giusto, opportuno e corretto tutelare ulteriormente la salute dei nostri nonni con una fornitura straordinaria, a nostro carico, di materiale in grado di mantenere un alto tasso di isolamento da una possibile, ma al momento non probabile, incursione del virus. La struttura è monitorata minuto per minuto, giorno per giorno – prosegue Di Pietrantonio – e un ulteriore tassello di questa strategia di prevenzione è la richiesta che abbiamo fatto alla Asl di Teramo, sempre ai fini preventivi, per ottenere che venisse effettuato la prova del tampone su tutti gli operatori che lavorano all’interno della casa di riposo con grande senso di responsabilità e abnegazione e su tutti gli utenti che vivono e trascorrono il loro tempo in struttura. Abbiamo avuto la risposta positiva della Asl, al lavoro da stamani, che ringraziamo per la collaborazione, e attendiamo che questo momento passi per poter tornare alla quotidiana normalità”.

Termoscanner, visiere, maschere e igienizzanti sono in tutte le strutture dell’Asp 2 Teramo, nelle sedi di Mutignano di Pineto, fattoria sociale e Istituto Castorani di Giulianova dove è stata allestita una apposita aula con pc e tablet appena acquistati in modo che i bambini e i ragazzi della casa famiglia, dalla fascia elementare e media, possano proseguire le lezioni scolastiche con la didattica a distanza con la guida degli educatori che non hanno mai smesso di prestare la loro opera.

Tamponi anche al San.Stef.Ar. e ai cittadini

Stamattina in accordo tra il Servizio di igiene e sanità pubblica (Siesp) di Teramo e l’amministrazione comunale di Atri sono stati effettuati 63 tamponi sul territorio atriano negli spazi del parcheggio del PalaAlessandrini e oltre 20 tamponi domiciliari per l’individuazione di soggetti positivi al Covid-19. Sono stati eseguiti tamponi anche a 10 dipendenti del centro ambulatoriale di riabilitazione SanStef.Ar. in vista della ripresa dell’attività per il prossimo 4 maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *