Coronavirus, attenti alle truffe: falsi operatori Asl entrano nelle case

Coronavirus, attenti alle truffe: falsi operatori Asl entrano nelle case

Anche in provincia di Teramo c’è il rischio che vengano attuati tentativi di truffa a danno degli anziani da parte di falsi operatori della ASL o di associazioni di volontariato. E’ stato infatti segnalato, comunica la Prefettura di Teramo, che in altri territori tali sedicenti soggetti chiedano di entrare in abitazioni private per effettuare a domicilio tamponi, test o accertamenti sanitari gratuiti connessi alla diffusione del coronavirus. Premesso che nessuna attività simile è in atto sull’intero territorio nazionale da parte del Servizio Sanitario Nazionale, si invitano i cittadini a diffidare di chiunque si spacci per personale sanitario, medico/paramedico, e a segnalare tempestivamente alle forze di polizia (112 – 113) ogni tentativo di intrusione nelle proprie abitazioni.

Inoltre, attenzione alle fake news. La Polizia di Stato ha segnalato la diffusione tramite social media e chat di messaggi falsi sull’andamento dell’emergenza e sulle misure adottate, che generano allarme ingiustificato. A questo proposito, la Polizia invita i cittadini a non condividere eventuali messaggi di allarme ricevuti e segnalarli tramite il sito della Polizia postale e delle comunicazioni. Per informazioni e aggiornamenti sull’evoluzione della situazione e sulle relative disposizioni sono attivi il numero di pubblica utilità 1500 e i numeri verdi regionali. On line e in rete sono consultabili i siti web e gli account social istituzionali ufficiali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *