Coronavirus: Marsilio illustra ai parlamentari emendamenti “decreto aprile”

Coronavirus: Marsilio illustra ai parlamentari emendamenti “decreto aprile”

Il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, ha organizzato questa mattina una videoconferenza con i parlamentari eletti in Abruzzo per programmare le iniziative politiche in vista dell’approvazione del cosiddetto “decreto aprile”. All’invito del presidente Marsilio hanno partecipato l’onorevole Giuseppe Bellachioma della Lega, il senatore Luciano D’Alfonso del Pd, il senatore di Forza Italia, Nazario Pagano, l’onorevole Stefania Pezzopane del Pd, il senatore Gaetano Quagliariello del gruppo Fi – Udc e l’onorevole Antonio Zennaro del gruppo Misto. Il presidente Marsilio nel corso della videoconferenza ha illustrato i contenuti inseriti nel pacchetto delle proposte al “decreto aprile” per i quali ha chiesto il sostegno dei parlamentari abruzzesi, al fine di poter avere subito misure efficaci e operative senza dover aspettare un difficile percorso parlamentare.

Nel dettaglio si chiede la sospensione, per il prossimo triennio, dei piani regionali di rientro dai disavanzi, iniziativa che non comporta alcun allungamento temporale dei piani di rientro e nessun aggravio per i conti pubblici. Inoltre, in un’ottica di semplificazione e accelerazione delle procedure per la gestione dell’emergenza covid-19, si chiede di soprassedere all’obbligo di presentare un programma operativo da sottoporre al ministero della salute per l’approvazione delle procedure stesse, fermo restando la presentazione di un apposito rendiconto dal quale risulti l’utilizzo delle spese sostenute per interventi urgenti. Un altro importante emendamento, richiesto anche dagli amministratori locali, dagli imprenditori e dalle stesse comunità locali riguarda un contributo straordinario, per l’annualità 2020, in favore dei Comuni dichiarati “zona rossa” dai presidenti delle Regioni. Per quanto concerne il Comune dell’Aquila un emendamento richiede un contributo straordinario, per l’annualità in relazione alle minori entrate e alle maggiori spese connesse al sisma 2009. Connesso al sisma 2009 si chiede anche il superamento del precariato per il personale in servizio sia al Comune dell’Aquila sia all’Ufficio speciale della ricostruzione. Gli ultimi tre emendamenti che il presidente Marsilio ha illustrato ai parlamentari in videoconferenza, invece, sono inerenti il sisma 2016/17 in relazione alla ricostruzione pubblica, agli interventi relativi le opere pubbliche e i beni culturali e il personale dei Comuni e della Protezione civile. “Ringrazio i parlamentari che hanno partecipato alla videoconferenza per aver garantito condivisione e sostegno a questa iniziativa – ha sottolineato il presidente Marsilio – la mia speranza è che adesso nel loro lavoro in aula abbiano la forza e la capacità di farsi ascoltare dal Governo per dare voce al territorio abruzzese. Si tratta di misure indispensabili per il rilancio economico della nostra regione”.

Marsilio: “Aspettiamo idee dai settori produttivi”

Si chiama “Ripartiamo Abruzzo!” il nuovo spazio web, da sabato attivo sul portale regionale, aperto al contributo degli operatori dei settori produttivi, chiamati ad elaborare proposte per il riavvio e la messa in sicurezza del sistema economico regionale post Covid 19. E’ l’ultima iniziativa della Giunta regionale impegnata in queste ore a definire le linee guida per la ripartenza. Accanto agli incontri tematici, che sono in corso di svolgimento tra assessorati, imprese e sindacati, l’ulteriore strumento partecipativo è il “Laboratorio di idee”, nei settori tematici così delineati: lavoro e welfare; industria e servizi alle imprese; commercio, ristorazione ed esercizi di somministrazione; servizi alla persona, sport e tempo libero; artigianato e piccola impresa; turismo, Aree interne e Parchi; università e centri di ricerca; agricoltura. Agli interessati è richiesto di riempire un form con il quale fornire sia le misure per il contenimento e distanziamento nell’ambito di riferimento, sia proposte per il rilancio del settore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *