Coronavirus, oltre 140 denunciati: a Roseto party in spiaggia finisce in rissa

Coronavirus, oltre 140 denunciati: a Roseto party in spiaggia finisce in rissa

Oltre 7.000 i controlli e 141 denunciati. È il bilancio della Prefettura di Teramo sulle attività messe in campo dalle forze dell’ordine per verificare l’osservanza delle misure governative contro la diffusione del coronavirus. I dati si riferiscono al periodo dal 12 al 15 marzo. Controllati anche 1.121 esercizi commerciali. La Prefettura ricorda che è necessario evitare gli spostamenti sul territorio, consentiti solo per ragioni lavorative, di salute, di rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza o per primarie necessità. I controlli sono effettuati anche nei centri cittadini dove, rispettando il divieto di assembramento e i parametri della distanza, non vi sono restrizioni per attività sportive o brevi passeggiate anche con animali domestici. Particolari esigenze possono essere segnalate al COC del proprio Comune.

Il caso più eclatante è avvenuto ieri a Roseto: cinque giovani si sono dati appuntamento in spiaggia per consumare bevande alcoliche, contravvenendo al divieto di assembramenti. In seguito al controllo dei carabinieri i ragazzi sono stati denunciati. Quando i militari sono andati via dopo aver invitato i giovani a rientrare a casa, due di essi, brandendo una catena, si sono avventati contro un altro ragazzo del posto che, secondo loro, era colpevole di aver chiamato i carabinieri. Ne è scaturita una rissa e uno degli aggressori ha riportato serie lesioni, finendo al pronto soccorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *