Coronavirus: quarantena obbligatoria per chi entra in Abruzzo dalle zone rosse

Coronavirus: quarantena obbligatoria per chi entra in Abruzzo dalle zone rosse

L’Abruzzo si organizza per contenere gli effetti di quanto sta accadendo dalle nuove zone rosse individuate dall’ultimo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri per fronteggiare l’emergenza coronavirus. “La genesi del DPCM firmato solo oggi e peraltro non ancora pubblicato in Gazzetta Ufficiale (quindi non ancora nemmeno in vigore) sta provocando un vero e proprio esodo biblico dalle regioni e dalle provincie elencate all’articolo 1. Già da questa notte – dichiara il presidente della Regione Marco Marsilio – ho dato disposizioni alla Protezione Civile di inviare squadre di volontari presso le principali stazioni ferroviarie e terminal bus per intercettare gli arrivi da nord, distribuire il decalogo dei comportamenti virtuosi di contenimento del virus e invitare tutti all’isolamento volontario. Dalle 3 di questa mattina – prosegue Marsilio – i volontari stanno facendo questa opera preziosa di informazione e sensibilizzazione. Ma la lettura del DPCM oggi pubblicato sul sito del Governo mostra che non esiste alcun divieto di spostamento dalla Lombardia e dalle province elencate all’articolo 1, ma solo un invito a evitare gli spostamenti non necessari, prevedendo infine un esplicito diritto a recarsi presso la propria abitazione, domicilio e residenza. Un testo simile, per di più diramato in bozza con ore e ore di anticipo, non poteva non provocare le conseguenze che si stanno avendo – sostiene il governatore abruzzese – Abbiamo il dovere di tutelare la salute dei cittadini, e per questa ragione ho dato disposizione agli uffici di predisporre un’ordinanza, che a causa del mio momentaneo impedimento reca la firma del vicepresidente della Giunta Emanuele Imprudente, che impone la quarantena a tutti quanti rientrano in Abruzzo dalle zone elencate all’articolo 1. E’ un’ordinanza di difficile applicazione e altrettanto difficile monitoraggio se non sarà accompagnata da una vasta e coscienziosa collaborazione dei diretti interessati e delle loro famiglie: per questo, rivolgo un appello accorato a tutti perché adottino misure di cautela e comportamenti rispettosi di se stessi e del prossimo. Quanti stanno fuggendo dalle zone rosse stanno facendo esattamente il contrario di quanto dovrebbero fare, mettendo a rischio la salute dei loro cari e dei loro concittadini – conclude Marsilio – Se proprio non sono in tempo per fermarsi e tornare indietro, abbiano almeno il senso civico e la coscienza di restare a casa in isolamento per due settimane”.

“Ne ho condiviso il percorso di approvazione e sottoscrivo in pieno l’ordinanza del Presidente Marsilio che impone l’isolamento domiciliare per tutti coloro che stanno rientrando in queste ore in Abruzzo dalle zone rosse del nord Italia”. Lo dichiara l’assessore regionale alla Salute, Nicoletta Verì. “Quanto è accaduto ieri con la diffusione delle anticipazioni del decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri – continua l’assessore – ha creato una corsa contro il tempo per riuscire ad allontanarsi dalla Lombardia e dalle province del Veneto, con un atteggiamento umanamente comprensibile, ma che va fermamente condannato perché rischia di diffondere il contagio anche in quelle aree del Paese dove il fenomeno è ancora fortunatamente sotto controllo”. “Come assessore alla salute – conclude la Verì – voglio rivolgere un appello al senso civico e di responsabilità di tutti coloro che stanno arrivando in Abruzzo in queste ore, affinché restino in casa, non abbiano contatti esterni e segnalino alle autorità sanitarie qualunque mutamento del proprio quadro clinico. L’emergenza che stiamo vivendo è una cosa seria, reale. Non è un film, in cui tutto torna magicamente a posto, grazie allo sceneggiatore. Dobbiamo impegnarci tutti, ognuno dando il proprio contributo, per limitare la diffusione del contagio e vincere questa battaglia. Ma è un obiettivo che però possiamo centrare solo evitando comportamenti a rischio”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *