Coronavirus, tamponi e mascherine a domicilio: occhio alle truffe

Coronavirus, tamponi e mascherine a domicilio: occhio alle truffe

“Non c’è nessun incaricato delle Asl, della Regione o delle associazioni di volontariato che bussa alle porte dei cittadini per eseguire tamponi a domicilio. Si tratta di vergognosi tentativi di truffa, che vanno immediatamente segnalati alle forze dell’ordine”. Lo sottolinea l’assessore regionale alla Salute, Nicoletta Verì, alla luce delle numerose segnalazioni che arrivano da diverse zone della regione. “Purtroppo – continua la Verì – c’è chi, in un momento così drammatico, approfitta per mettere in atto raggiri ai danni dei cittadini, soprattutto dei più anziani”. L’assessore invita anche a diffidare di venditori porta a porta di mascherine e altri dispositivi di protezione e di fantomatici test da fare in casa. “Si tratta semplicemente di truffe – conclude – a cui si aggiungono anche quelle perpetrate per via telematica, in cui vengono richiesti bonifici anticipati per acquistare dispositivi di protezione che poi puntualmente non vengono recapitati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *