Covid 19: l’Abruzzo diventerà zona rossa

Covid 19: l’Abruzzo diventerà zona rossa

“A volte si deve fare anche ciò che non si vuole fare, perché è giusto ed opportuno. Nessuno può sfuggire alle responsabilità, questi non sono momenti per fare giochi politici e propagandistici ma sono momenti in cui prendere posizione e anticipare scelte. L’Abruzzo deve essere zona rossa con chiusura delle scuole“. Con queste parole affidate ad un post su Facebook, il vicepresidente della Regione Abruzzo, Emanuele Imprudente, anticipa quello che accadrà in Abruzzo nei prossimi giorni: l’inasprimento delle misure restrittive attualmente previste nel regime di zona “arancione”. Dopo la riunione odierna del Comitato tecnico-scientifico regionale, che ha esaminato la situazione alla luce dei dati epidemiologici più recenti e al livello di saturazione dei posti letto negli ospedali, il parere degli esperti è stato trasmesso al governatore Marco Marsilio. Domani dovrebbe essere firmato il provvedimento che potrebbe entrare in vigore già da martedì o, al più tardi, mercoledì. Con la zona rossa dovrebbero essere chiuse le scuole (nel Dpcm attualmente in vigore in caso di zona rossa restano aperti i nidi, le scuole dell’infanzia, le elementari e le prime medie, ma ogni Regione ha facoltà di estendere la didattica a distanza a tutti i livelli di istruzione), tutti i negozi salvo quelli di prima necessità, come gli alimentari, e c’è il divieto di uscire di casa se non per comprovati motivi di urgenza (con autocertificazione).

Anche il sindaco di Teramo, Gianguido D’Alberto, ha confermato su Facebook le decisioni del CTS e della Regione: “Nei prossimi giorni tutti saremo chiamati ad un ulteriore e maggiore sforzo di responsabilità collettiva: nel dialogo con la Regione Abruzzo, stiamo definendo, proprio in queste ore, le misure più restrittive da adottare in modo uniforme sul territorio regionale. Sarebbe inutile negare che arriveranno giorni altrettanto complessi, dovremo continuare ad appellarci alla nostra resilienza: ci aspettano ancora momenti che richiederanno pazienza e comprensione, purtroppo siamo alle prese con una pandemia che ha investito tutto il mondo. Soltanto insieme, impegnandoci, riusciremo ad uscirne continuando ad adottare le regole che ci aiutano a preservare la nostra salute”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *