Cura Abruzzo 2, categorie e sindacati: “Giunta sorda a confronto”

Cura Abruzzo 2, categorie e sindacati: “Giunta sorda a confronto”

“La Regione è sorda al confronto, ora stato di mobilitazione”. Così imprese e sindacati abruzzesi sul metodo di approvazione delle misure economiche anti-covid da parte della maggioranza di centrodestra nella seduta di ieri del Consiglio regionale. In un nota, Agci, Casartigiani, Cia, Claai, Cna, Confapi, Confartigianato, Confcommercio, Confcooperative, Confesercenti, Confindustria, Legacoop, Cgil, Cisl, Uil e Ugl accusano Giunta e Consiglio di aver “ignorate le nostre proposte, dubbi sulle coperture della legge approvata ieri”. “Giunta e Consiglio regionale vanno avanti per la loro strada, ignorando il confronto con le forze economiche e sociali che non sia di pura facciata e le loro proposte. Una logica cui non è sfuggito neppure il maxi provvedimento varato ieri a Palazzo dell’Emiciclo, preparato nel chiuso delle stanze della politica ed i cui effettivi benefici a favore di cittadini e imprese abruzzesi sono tutti da verificare, soprattutto alla luce di coperture finanziarie che paiono incerte e valutati i tempi di erogazione che si annunciano tutt’altro che brevi. Ragioni di metodo e di merito che spingono a dichiarare uno stato di mobilitazione per ripristinare le giuste relazioni, di un pezzo importante della società abruzzese”, si legge ancora nella nota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *