Don Igor non ce l’ha fatta: addio al direttore della Caritas di Teramo

Don Igor non ce l’ha fatta: addio al direttore della Caritas di Teramo

Don Igor Di Diomede non ce l’ha fatta. Il giovane parroco di Castelnuovo Vomano, nonché direttore della Caritas diocesana di Teramo, è tornato al Cielo nel pomeriggio di oggi. Don Igor aveva da pochi giorni compiuto 42 anni. Il prete, amatissimo dalla sua comunità, dai tanti volontari della Caritas e da tutte le persone bisognose assistite dall’organismo diocesano, lottava contro un tumore al cervello che si era manifestato improvvisamente e violentemente lo scorso 31 gennaio, quando don Igor si era sentito male in casa ed era stato ricoverato d’urgenza nel reparto di Rianimazione dell’ospedale di Teramo per un’emorragia cerebrale causata dalla massa tumorale. Dopo essere stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico e aver lottato per diversi giorni tra la vita e la morte, sostenuto e accompagnato dalla preghiera del clero locale e dei suoi conoscenti, il parroco di Castelnuovo era stato risvegliato dal coma dando segnali di speranza. Don Igor Di Diomede era stato dimesso dopo alcuni giorni, proseguendo le terapie per combattere la malattia. A Pasqua aveva rivolto un messaggio di auguri ai tanti amici su Facebook, accolto da tutti con grande gioia. Oggi però, improvvisamente, è arrivata la triste notizia accompagnata da una valanga di messaggi di cordoglio e di addio allo sfortunato parroco.

Don Igor Di Diomede era nato a Giulianova il 9 aprile 1978. Cresciuto a Notaresco, ha maturato la sua vocazione anche grazie al movimento dei focolari, conosciuto in parrocchia. Frequentata la facoltà di medicina veteriniaria presso l’università di Teramo, è entrato in Seminario a Chieti ed è stato ordinato prete il 17 settembre 2006. Già vice parroco a San Nicolò a Tordino e parroco a Poggio Umbricchio, San Giorgio e Macchia Vomano (nel comune di Crognaleto) e successivamente a Valle San Giovanni (nel comune di Teramo), Casanova, Elce, Faieto, Padula, Pagliaroli (nel comune di Cortino) e Fioli (nel comune di Rocca S. Maria), da 6 anni era stato trasferito alla parrocchia di Castelnuovo Vomano (nel comune di Castellalto). Era direttore della Caritas diocesana da 10 anni. “Don Igor ci affida una grande responsabilità: ­con il suo sorriso e con la sua semplicità ci ha indicato la via della carità vissuta in silenzio – afferma il vescovo Lorenzo Leuzzi – e mi ha sempre incoraggiato e sostenuto a portare avanti il progetto di allargare gli orizzonti della Carità”. Con il divieto dei funerali per l’emergenza coronavirus, nei prossimi giorni il vescovo, in forma strettamente privata, benedirà la sua sepoltura.

Comments

  1. Sentite condoglianze alla famiglia di Don Igor

  2. A Castelnuovo, presumo di essere stato il suo insegnante di educazione tecnica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *