Escursionisti bloccati sul Centenario recuperati dal 118

elicottero 118

Escursionisti bloccati sul Centenario recuperati dal 118

Stavano percorrendo il Centenario, il sentiero di 16 km che sul massiccio del Gran Sasso inizia da Vado di Corno (1922 m s.l.m.) e, attraverso le creste, arriva fino al monte Camicia, viaggiando per diversi tratti ben oltre i 2000 metri di quota.

L’incidente è infatti avvenuto a circa 2300 m s.l.m., sul versante aquilano, quando all’altezza delle Torri di Casanova un escursionista di 23 anni, in compagnia di un coetaneo, entrambi pescaresi, è caduto da una cresta scivolando rovinosamente per diversi metri. L’amico, preoccupato per le condizioni di salute dell’escursionista, nel tentativo di raggiungerlo è uscito dal sentiero, portandosi su un torrione roccioso piuttosto esposto da cui non è stato più in grado di muoversi.

Intervenuto l’elicottero del 118, il tecnico di elisoccorso del Soccorso Alpino e Speleologico (Cnsas) ha predisposto prima il recupero dell’infortunato con il verricello; il ragazzo, infatti, pur non essendo in pericolo di vita, ha riportato diversi traumi ed è stato trasportato all’ospedale San Salvatore di L’Aquila. Poi si è provveduto anche al recupero del compagno che, illeso ma bloccato dai salti di roccia, è stato anche lui preso a bordo con il verricello e accompagnato fino a Vado di Corno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *