Fase due, Febbo: in Abruzzo percentuale alta di riaperture

Fase due, Febbo: in Abruzzo percentuale alta di riaperture

E’ una percentuale “molto alta” quella tornata a lavoro anche in Abruzzo, nel primo giorno di fase due, “sebbene sia fermo tutto il comparto del commercio, tranne alcune filiere, e quello dell’artigianato”, come spiega alla redazione di “Sos Coronavirus. La Regione in ripartenza“, l’assessore allo sviluppo economico, Mauro Febbo, che annuncia l’intenzione di voler riaprire alcune attività che “rappresentano intere filiere, con numeri più importanti perfino della più grande azienda abruzzese”. Febbo si riferisce alle attività di “parrucchieri ed estetiste – due o tre volte i dipendenti di Sevel – per i quali siamo in attesa, entro questa settimana, del protocollo nazionale di sicurezza”. In corso di verifica ci sono anche le misure per i bar e la ristorazione, mentre qualche “difficoltà si registra ancora per i balneatori. Entro questa settimana è fissato un incontro con i sindaci e con la Capitaneria di porto. C’è ancora tempo fino al 1 giugno ma dobbiamo fare in fretta”.

L’assessore Febbo ha commentato “non positivamente” l’assembramento visto negli ultimi giorni in alcune città abruzzesi “ma mi pare che lo stesso sia accaduto a Bari o alla stessa Roma”. Secondo Febbo anche “le decisioni sulle riaperture annunciate dal Governo hanno disorientato e creato attese dalle conseguenze non corrette. Certo è che ancora una volta ci appelliamo al senso civico e al senso di responsabilità di ciascuno: dobbiamo evitare che ci sia un nuovo innalzamento della circolazione del virus e scongiurare un nuovo lockdown, questa volta sì, disastroso per la nostra economia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *