FOTO | Danni del vento: Castelli e Campli chiedono lo stato di calamità

FOTO | Danni del vento: Castelli e Campli chiedono lo stato di calamità

I violenti eventi meteorologici che si sono verificati su tutto il territorio della provincia di Teramo, in particolare nelle aree interne, hanno causato danni consistenti. Ad imperversare è stato il vento che ha raggiunto gli oltre 100 km/h, abbattendo alberi, insegne, scoperchiando tetti e coperture, spesso precipitati su auto in sosta. Per fortuna non ci sono state conseguenze gravi per le persone (un’anziana è rimasta ferita a Valle Castellana cadendo in una scarpata nel tentativo di sfuggire all’incendio del condominio in cui abitava, alimentato dal vento).

Tra i comuni particolarmente flagellati c’è Castelli, già coinvolto nelle giornate del 4 e 5 febbraio e poi nuovamente lunedì e martedì scorsi. Il vento ha causato danni ingenti al patrimonio pubblico e privato, per questo motivo la Giunta comunale ha deliberato la richiesta al Presidente del Consiglio dei Ministri dello stato di calamità. “Come documentato da foto e video pubblicati sui social, la violenta tromba d’aria abbattutasi sul territorio di Castelli ha provocato danni ingenti al patrimonio pubblico e privato, senza provocare feriti per pura fortuna – ha dichiarato il sindaco Rinaldo Seca – Per questo abbiamo deliberato in Giunta la richiesta dello stato di calamità che riteniamo opportuno per i danni inferti al nostro territorio e a quello della provincia di Teramo”. Analoga richiesta sarà proposta anche dal Comune di Campli: “La straordinaria violenza del vento che ha colpito in queste ore il territorio di Campli ha causato danni ingenti al patrimonio pubblico e privato – è la dichiarazione del sindaco Federico Agostinelli – Pur non registrando, al momento, feriti tra le persone, delibereremo la richiesta alla Presidenza del Consiglio dei Ministri dello stato di emergenza, considerate le gravi conseguenze subite dal nostro territorio, al pari dell’intera Provincia di Teramo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *