Serie C, il Teramo ritrova gioco e gol: tris al Rende

Serie C, il Teramo ritrova gioco e gol: tris al Rende

Il Teramo ritrova gol e vittoria nel fortino del “Bonolis” sfruttando il turno favorevole al cospetto del Rende, squadra in piena lotta salvezza e priva di ben otto uomini tra infortuni e squalifiche. Il 3-0 firmato Cancellotti e Magnaghi (autore di una doppietta) è il successo più ampio finora per i biancorossi di Tedino che riprendono la marcia dopo il passo falso con la Cavese. Nel 4-3-1-2 del tecnico trevigiano c’è Cristini in difesa per Piacentini, Arrigoni in regia preferito a Viero e Mungo ancora in panchina. 4-5-1 per i calabresi di Rigoli il cui piano partita è uno solo: difendere a oltranza provando a buttarsi nelle ripartenze. Ma alla prima sbavatura ospite, il Diavolo colpisce. Al 16’ Ilari guadagna il calcio d’angolo dal quale nasce il vantaggio: il tiro dalla bandierina di Bombagi viene girato in rete, in splendida acrobazia, da Cancellotti. Due minuti dopo, ancora dagli sviluppi di un angolo, Ilari tira fuori da ottima posizione. Il Rende, ad ogni modo, c’è e nel finale costruisce due occasioni per il pareggio. Al 31′ Nossa sbuca alle spalle della difesa biancorossa e intercetta un tiro dalla distanza di un compagno, ma il piatto del difensore non inquadra la porta. Altro brivido per Tomei al 39′ quando Collocolo di testa colpisce la traversa su azione d’angolo. Si va negli spogliatoi con il vantaggio minimo e qualche incertezza di troppo.

Ma il Teramo è deciso a chiuderla e lo fa capire subito al rientro in campo. Passano due minuti e Ilari viene liberato a tu per tu con Savelloni, la mezzala però centra clamorosamente il portiere ospite. Le trame del Teramo funzionano e da un’azione pregevole al 58’ nasce il raddoppio. La palla viene toccata da sei giocatori biancorossi (Cristini, Cancellotti, Santoro, Costa Ferreira e Ilari) prima di arrivare a Magnaghi che con un tocco d’esterno supera Savelloni. La gioia dell’attaccante si ripete cinque minuti dopo, quando l’ex Pordenone trova la settima rete in campionato servito dalla sponda aerea di Santoro. La partita finisce qui. La girandola di cambi operata da Tedino permette al Teramo di controllare senza affanni. E in pieno recupero il neo entrato Mungo fallisce da due passi l’opportunità di arrotondare ulteriormente il punteggio. Missione compiuta: domenica, a Viterbo, l’ennesima chance per guarire dal mal di trasferta.

TERAMO – RENDE 3-0

TERAMO (4-3-1-2): 1 Tomei; 29 Cancellotti (VK), 4 Cristini, 5 Soprano, 3 Tentardini (79′ Florio); 21 Santoro (79′ Viero), 8 Arrigoni (K), 20 Ilari; 7 Costa Ferreira (72′ Mungo); 19 Bombagi (79′ Minelli), 9 Magnaghi (69′ Birligea). A disp.: 12 Valentini, 22 Lewandowski, 18 Iotti, 23 Cappa, 26 Piacentini. All.: Tedino.

RENDE (4-5-1): 1 Savelloni, 6 Origlio, 21 Nossa (K), 3 Ampollini, 15 Bruno (81′ Garritano); 24 Giannotti, 20 Ndiaye (66′ Navas), 31 Vitofrancesco (VK), 5 Collocolo, 30 Coly (57′ Negri); 10 Godano. A disp.: 12 Palermo, 22 Borsellini, 13 Germinio, 23 Fornito. All.: Rigoli.

Arbitro: sig. Michele Giordano di Novara. Assistenti: sigg. Giovanni Dell’Orco di Policoro e Federico Votta di Moliterno.

Marcatori: 17′ Cancellotti, 58′, 63′ Magnaghi.
Ammoniti: Bombagi (T), Bruno (R), Navas (R).
Espulsi: –
Spettatori: 2.141 (nessun ospite).
Recupero: 0’pt, 4’st.

Serie C, girone C, risultati e classifica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *