Immensa Sabbatini: nuovo personal best e minimo olimpico a 3 centesimi | VIDEO

Immensa Sabbatini: nuovo personal best e minimo olimpico a 3 centesimi | VIDEO

Partiamo dal presupposto che essere invitati al Golden Gala Pietro Mennea – e ancor prima alla tappa britannica della Diamond League a Gateshead – sono segnali importanti, che stanno qualificando la carriera di un’atleta in netta ascesa e in netta crescita come Gaia Sabbatini (ricordiamo classe 1999).

Segnali che confermano che non solo l’ambiente italiano, non solo l’ambiente europeo ma anche quello mondiale cominciano a notarti e cominciano a vedere che hai la giusta stoffa e la giusta attitudine, quell’attitudine al lavoro e al sacrificio che accomuna i grandi atleti e i grandi campioni. Gaia Sabbatini lo ha dimostrato in maniera lampante ed estremamente potente, a livello comunicativo, nell’intervista ai microfoni Rai e ai microfoni della Fidal Tv, dopo che ha nuovamente polverizzato il suo personal best sui 1500 metri nel giro di neanche un mese (dal 4’08”14 di Ostrava al 4’04”23 di Firenze).

La Sabbatini infatti ha pianto, ha pianto di rabbia per aver sfiorato di soli tre centesimi il minimo per i Giochi Olimpici di Tokyo (4’04”20). Ha pianto nonostante le rassicurazioni dei cronisti che le facevano notare lo splendido risultato ottenuto e nonostante fosse il suo ventiduesimo compleanno. Ha pianto perché non si accontenta, perché fa parte del suo carattere che la porta ad avere quella voglia di vincere, di superarsi, di apprendere dalle grandi campionesse contro le quali si sta confrontando (vedi l’olandese Sifan Hassan che con 3’53”63 ha firmato il record del Golden Gala e il tempo più veloce del 2021, al termine del duello con la keniana Faith Kipyegon e con la campionessa europea in carica, la scozzese Laura Muir).

Andrà alle Olimpiadi di Tokyo? Questa domanda se la stanno facendo tutti, appassionati di atletica e neofiti. Le possibilità sono alte; non avendo ottenuto il minimo olimpico in maniera matematica la Sabbatini dovrà adesso effettuare un ultimo passaggio, partecipando ai Campionati Italiani di Rovereto a fine giugno, per poter incrementare il suo punteggio nel ranking e staccare il pass. Tokyo comunque è nel mirino ed è sempre più vicina, il sogno olimpico è possibile.

Complimenti Gaia, orgoglio italiano, abruzzese e teramano.

Lorenzo Mazzaufo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *