La regione Abruzzo “cambia” le regole della pallacanestro

La regione Abruzzo “cambia” le regole della pallacanestro

Con la sua ultima ordinanza, la regione Abruzzo ha modificato le regole della pallacanestro che resistevano da piu’ di 100 anni, quando furono scritte da James Naismith nel 1891 a Springfield, Massachussets. Nell’allegato al “protocollo di sicurezza per i centri e circoli sportivi”, pubblicato il 9 giugno sul sito regione.abruzzo.it. si legge che, per le “modalità di gioco per il calcio e la pallacanestro” si debbano seguire 8 linee guida. Tra di queste spiccano “è consentito il tocco del pallone con le mani solo ed esclusivamente se muniti di guanti” ed “è vietata la marcatura ad uomo”.

Si tratta di regole che, per limitare le possibilità di contagio e favorire il distanziamento sociale, possono essere applicate, seppur con qualche difficoltà, al calcio ma che risultano impossibili per chi pratica l’antico e nobile sport del basket. Quest’ultimo, come noto, si basa essenzialmente sul trattare esclusivamente con le mani la palla (palleggi, passaggi, lanci, intercetti) ed è impossibile giocare indossando dei guanti protettivi.

In più la pallacanestro è uno sport di contatto che prevede prevalentemente lo scontro fisico e la marcatura individuale, soprattutto all’aria aperta e durante gli incontri dei cosiddetti “playground”, per semplificare al massimo “campetti all’aperto”. Rispettare questi due dettami significherebbe insomma stravolgere un gioco che, pur cambiando negli anni, non è mai arrivato a una trasformazione così radicale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *