Lavori stradali: la Provincia di Teramo mette a gara 2.300.000 euro

Lavori stradali: la Provincia di Teramo mette a gara 2.300.000 euro

A fine aprile la Provincia di Teramo bandirà una serie di gare d’appalto per lavori stradali per una spesa di circa 2.300.000 euro. La prima tranche di gare è pronta ma occorre rispettare le limitazioni dell’autorità anticorruzione che ha disciplinato l’azione di gara per garantire la par condicio tra i concorrenti in una fase di lockdown e limitare possibili effetti discriminatori per quelle imprese che hanno chiuso gli uffici. I lavori, in ogni caso, saranno messi in gara a fine aprile con un ampio termine per la partecipazione e per le comunicazioni.

Questi gli interventi previsti:

  • lavori urgenti di manutenzione straordinaria s.p. n.19 della Specola (Teramo, Castellalto, Roseto, Notaresco, Morro d’Oro) importo lavori € 209.091,64
  • lavori urgenti di manutenzione straordinaria viabilità della s.p. 35 di Chioviano  (comune di Bisenti) importo lavori  € 205.595,90
  • miglioramento della sicurezza strade s.p. n. 19 e s.p. n. 21 (Morro d’Oro e Roseto)  importo lavori € 202.930,78
  • miglioramento della sicurezza s.p. n. 45a e s.p. n. 47a (Cortino e Crognaleto)  importo lavori € 193.341,57
  • miglioramento della sicurezza strade s.p. n. 365, s.p. n. 491 e s.p. n. 37 (Bisenti, Tossicia, Colledara, Isola, Castelli)  importo lavori € 201.861,72
  • sp 37/a lavori di ripristino del corpo stradale (Castelli) importo lavori € 444.949,78
  • manutenzione straordinaria viabilità delle strade provinciali sull’area territoriale dei comuni di Campli, Valle Castellana, Civitella del Tronto, importo lavori € 750.000,00
  • s.p. n. 22/a di Grasciano (Notaresco) lavori di completamento, importo lavori € 112.000,00

“E’ stato il nostro primo pensiero all’inizio dell’emergenza e continua ad esserlo ora: immettere liquidità considerata l’ampia paralisi del mondo produttivo e delle professioni che, ovviamente, ha enormi riflessi negativi anche sui lavoratori – commenta il presidente Diego Di Bonaventura – naturalmente possiamo intervenire solo all’interno del perimetro delle nostre limitate competenze e fino a quando anche i nostri bilanci, al momento in sofferenza di entrata, lo consentiranno. Comunque, fino a che sarà possibile – prosegue il presidente della Provincia – continueremo ad anticipare con fondi nostri i pagamenti alle imprese ma rivolgiamo un appello a Anas e Regione affinchè ci liquidino celermente le spettanze per i progetti di cui siamo esecutori. Rispetto della legalità e burocrazia devono convivere e c’è un ampio margine per migliorare le attuali procedure amministrative spesso ridondanti e causa di ritardi nella realizzazione delle opere. Le modalità digitali e smart working di queste settimane hanno dimostrato che la pubblica amministrazione può e quindi deve fare questo salto di qualità”.

“Ci auguriamo una stagione di cantieri aperti – sottolineano i consiglieri provinciali alla viabilità, Lanfranco Cardinale e Gennarino Di Lorenzo – il nostro sforzo è teso verso questa direzione perchè ora, e probabilmente per un tempo non breve, le opere pubbliche sono una delle poche risorse sulle quali una buona parte del mondo del lavoro può contare. Abbiamo circa altre 5 milioni di opere da mandare in gara per le quali si stanno chiudendo le progettazioni. L’ente ha lavorato, il COVID non ci ha fermato e con la collaborazione degli uffici tecnici e amministrativi, stiamo cercando di portare a termine la programmazione. Altro aspetto importante, in queste settimane – rilevano i consiglieri delegati – ha riguardato i pagamenti: a marzo abbiamo liquidato oltre 1 milione e 800 mila euro e nei primi dieci giorni di aprile circa 1 milione e 300 mila euro. Abbiamo liquidato circa 600 fornitori, una cifra importante e tanto più significativa in questa fase”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *