Marsilio a Valle Castellana: “Viabilità scandalosa, la Provincia acceleri”

Marsilio a Valle Castellana: “Viabilità scandalosa, la Provincia acceleri”

“Valle Castellana non deve continuare a sentirsi lontana da Teramo e dall’Abruzzo al punto da preferire l’annessione ad Ascoli Piceno. Oggi, ancor di più, sento la responsabilità di garantire l’attenzione dovuta”. Così il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, al termine della visita di ieri pomeriggio a Valle Castellana, accompagnato dal sottosegretario Umberto D’Annuntiis. Un incontro con il sindaco Camillo D’Angelo, l’amministrazione comunale e alcuni cittadini per toccare con mano le esigenze di un territorio che lamenta disinteresse da parte degli enti tanto da aver promosso il referendum per il passaggio nelle Marche. Il voto dello scorso 8 marzo, in piena emergenza Covid 19, non raggiunse il quorum necessario.

“Il problema della viabilità è scandaloso – ha detto Marsilio – ma esistono anche altri disagi legati alla sanità, ai collegamenti telefonici e altro che terremo nella dovuta considerazione. Darò indicazioni al nuovo direttore generale della Asl per attivare una mobilità infraregionale vista la vicinanza con Ascoli Piceno”. Sulla viabilità Marsilio ha ricordato che “non è nostra competenza fare le strade. Tuttavia – ha aggiunto – ho chiesto conto al presidente della Provincia che mi ha garantito che entro settembre avrà realizzato una parte dei lavori previsti. Tornerò per verificare”. Il sottosegretario D’Annuntiis ha sottolineato che per la viabilità sono già programmate somme per la Sp 49 mentre la Regione si era già attivata prima dell’emergenza Covid per il servizio trasporto studenti che sarà avviato alla ripresa in autunno. “Sul Masterplan – ha detto D’Annuntiis – occorre sollecitare la Provincia che è l’ente attuatore. Le risorse ci sono”.

“Le strade nel nostro comune versano in condizioni disastrose – ha detto il sindaco D’Angelo commentando l’incontro – lo stesso Governatore ha potuto toccare con mano una situazione di degrado imbarazzante che, malgrado gli interventi messi in campo dalla Provincia di Teramo, rimane a forte rischio. Per questo motivo abbiamo chiesto ai vertici della Regione Abruzzo una maggiore celerità sia nell’esecuzione degli interventi di manutenzione sia nella realizzazione di nuovi lavori per il ripristino del manto stradale”. Altro tema al centro del dibattito è stato quello della ricostruzione. “Al netto del grande impegno messo in campo dal Direttore dell’USR, Vincenzo Rivera, e dalla sua struttura purtroppo dobbiamo constatare che la ricostruzione a Valle Castellana è ferma – ha detto il sindaco – anche per colpa dei legacci della burocrazia e della lentezza di alcuni enti che, con i loro vincoli ed il loro pareri, come la Sovrintendenza, rendono ancora più lente le procedure”. Infine D’Angelo ha proposto al governatore Marsilio la realizzazione di una zona economica montana speciale con sgravi fiscali ed eventuali aiuti e sussidi a quanti aprono o gestiscono bar, ristoranti o strutture ricettive. “Per far rinascere la montagna bisogna tornare ad investirci – ribadisce il sindaco – servono proposte shock per far sì che questi territori invertano la rotta e le persone tornino a viverci ed a investirci. Auspico che la Regione Abruzzo faccia sentire ancora di più la sua presenza ed investa risorse sul nostro comprensorio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *