Montorio, ragazzo minaccia di buttarsi dal terrazzo di casa: salvato dopo lunghe trattative

Montorio, ragazzo minaccia di buttarsi dal terrazzo di casa: salvato dopo lunghe trattative

Ha tenuto in apprensione per ore familiari e soccorritori giunti per evitare il peggio. Serata carica di tensione, ieri, a Villa Maggiore di Montorio al Vomano, dove intorno alle 22 un ragazzo di 21 anni, in preda ad un forte stato di agitazione, ha minacciato di uccidersi gettandosi dal tetto della villetta dove abita. A scatenare le intenzioni del giovane sarebbe stato un litigio con la madre: dopo aver spaccato tutti i mobili della sua camera da letto, il ragazzo è salito sul terrazzo al terzo piano e, gridando frasi sconnesse, ha manifestato l’intenzione di lanciarsi nel vuoto da un’altezza di circa otto metri. A conferma della delicatezza della situazione, il 21enne a un certo punto si è completamente denudato nonostante la pioggia battente.

I primi a giungere sul posto sono stati i carabinieri con numerose pattuglie, seguiti da una squadra dei vigili del fuoco munita di autoscala e cuscino di salvataggio gonfiabile, il 118 e la Croce Bianca. Vista la situazione, i soccorsi hanno deciso di chiedere l’intervento del negoziatore dell’Arma, figura altamente specializzata per gestire casi come quello che si stava verificando nella tranquilla frazione montoriese. Ma nel frattempo le trattative con il 21enne erano già iniziate, nel tentativo di farlo ragionare: in particolare un vigile del fuoco, rimasto da solo con il ragazzo sul terrazzino, ha iniziato a parlare con lui riuscendo a instaurare un rapporto di fiducia catturandone l’attenzione. Dopo circa un quarto d’ora il giovane si è lasciato avvicinare e il vigile del fuoco è riuscito a bloccarlo, mettendolo in salvo con l’aiuto dei colleghi che attendevano nel vano scala di accesso alla copertura dell’edificio. Una volta all’interno della villetta, il 21enne è stato soccorso, accudito e rivestito, per essere trasportato all’ospedale di Giulianova per essere sottoposto ai controlli del caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *