Notaresco, Di Gianvittorio all’opposizione: “Paese migliore grazie a noi”

Notaresco, Di Gianvittorio all’opposizione: “Paese migliore grazie a noi”

Con una lunga nota il consigliere regionale della Lega, Tony Di Gianvittorio, componente anche del Consiglio comunale di Notaresco, risponde all’accusa del gruppo di opposizione “Notaresco Bene Comune” sulla spaccatura nella maggioranza guidata dal sindaco (nonché presidente della Provincia di Teramo) Diego Di Bonaventura. Rispetto al Consiglio comunale del 30 dicembre, reso possibile solo perché l’opposizione ha garantito il numero legale, Di Gianvittorio motiva la sua assenza con la contemporanea approvazione del bilancio regionale a L’Aquila, “dove con orgoglio sono riuscito a far approvare tre emendamenti che porteranno al Comune di Notaresco un cospicuo contributo – afferma l’esponente della maggioranza – e vorrei ricordare inoltre che la seduta di Consiglio Comunale alla quale non potevo essere presente, era solo in prima convocazione. Ero ben consapevole dell’accavallamento potenziale tra i due bilanci, proprio per questo ci sarebbe stata la seconda convocazione il giorno successivo”.

Spiegata l’assenza, Di Gianvittorio ribalta le accuse nei confronti della minoranza notareschina: “Il lavoro svolto dalle opposizioni, in questi due anni e mezzo di mandato, lascia sgomento e incredulità, soprattutto quando si leggono certe dichiarazioni; in tutto questo tempo, il gruppo Bene Comune, che di lodevole ha solo il nome, non è riuscito a produrre un solo emendamento che provasse a migliorare la vita dei notareschini, tant’è che vanno fieri di aver approvato una legge di bilancio ben formulata e scritta da noi, dove, con sensibilità e spirito di sacrificio, siamo riusciti a dare una risposta concreta ai cittadini più in difficoltà in questo momento così difficile. Voglio, ancora una volta, sottolineare l’ottimo lavoro svolto in sede di bilancio – prosegue Di Gianvittorio – e su tutto il territorio comunale, dove è impossibile non notare gli innumerevoli miglioramenti e le ingenti somme spese per rendere Notaresco un paese migliore”. Sulla Giunta comunale, la cui solidità era stata messa in discussione da “Notaresco Bene Comune”, Di Gianvittorio lascia la palla a Di Bonaventura: “Per quanto riguarda la Giunta comunale, si tratta di una decisione che spetta al sindaco e soltanto a lui che, quanto prima, dovrà ricomporre con tutti e quattro gli assessori”.

Infine, Di Gianvittorio ricorda il consigliere Tonino Di Giulio, recentemente scomparso, come unico esponente dell’opposizione che abbia lasciato un segno: “L’unica eccezione è stata il compianto collega Tonino Di Giulio che, seppur con idee diverse dalle mie, dalle nostre, ha sempre provato a lavorare per il bene di questo paese entrando nei meccanismi amministrativi; a tutta la sua famiglia va il mio più caloroso saluto per la grave perdita subita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *