Pineto, Verrocchio replica a Italia Viva: “Pensate solo alle poltrone”

Pineto, Verrocchio replica a Italia Viva: “Pensate solo alle poltrone”

“Cambio di marcia o cambio di poltrone? Italia Viva Pineto sia chiara fino in fondo”. Inizia così la replica del sindaco di Pineto, Robert Verrocchio, alle dichiarazioni rilasciate a mezzo stampa dal direttivo di Italia Viva Pineto sulla situazione politica. “Il sindaco non deve più contare sull’appoggio di Italia Viva? – prosegue il primo cittadino – Allora significa che Italia Viva ritirerà l’assessore che ha in Giunta? Oppure vuole intendere che non garantirà i voti al sindaco pur tenendo l’assessore in Giunta come ha fatto Matteo Renzi con il proprio ministro in Governo mentre sfiduciava il presidente Giuseppe Conte? Attendo un chiarimento anche in questo senso al più presto. La nostra città – prosegue Verrocchio – è diventata in questi anni una tra le più belle e virtuose della regione. Non lo dice il sindaco ovviamente, ma lo dicono tutti coloro che vengono a visitarci e decidono di volerci tornare. Tutti noi oltre a riconoscerlo dovremmo esserne orgogliosi. Il principale impegno di tutti dovrebbe essere solo ed esclusivamente il proseguimento di questi obiettivi. Nessuna ambizione o aspirazione personale, seppur legittime, dovrebbero essere anteposte all’interesse della collettività e quindi alla coesione all’interno dell’amministrazione. Chi accusa oggi l’amministrazione di mancanza di capacità di progettazione, di metodo e di celerità, evidentemente o non conosce, e non credo sia il nostro caso trattandosi di esponenti politici che hanno ricoperto cariche per lunghi anni, oppure parla, scrive e utilizza argomenti in modo strumentale per altri fini”.

Il primo cittadino pinetese entra anche nel merito delle questioni amministrative sollevate da Italia Viva, partendo dal ponte di collegamento tra la zona industriale e lo svincolo autostradale di Roseto degli Abruzzi che, ricorda Verrocchio, fu lui a promuovere su sollecitazione del compianto Peppe Arangiaro: “Grazie alla collaborazione della Provincia di Teramo e dell’Anas fu predisposta anche la progettazione, consegnata alla Regione Abruzzo due anni fa – sottolinea il sindaco – L’opera ha un costo di circa 8 milioni di euro. Recentemente l’opera è stata inserita tra le schede per il Recovery fund in accordo con la Provincia, ma continua la mia azione di confronto al Ministero delle Infrastrutture e con l’Anas al fine di percorrere anche altre strade”. Per quanto riguarda la possibilità di stimolare un nuovo soggetto aggregatore tra le imprese della zona industriale, “sono già a lavoro per elaborare un possibile piano sollecitato anche da Italia Viva”, prosegue Verrocchio. Capitolo turismo di qualità: “Andrebbero intanto analizzate bene tutte le possibilità di riqualificare, potenziare e recuperare le costruzioni esistenti sul territorio”, dichiara il sindaco. Sul piano quadro sollecitato dal partito di Italia Viva, così come per i programmi complessi, “questi potrebbero rappresentare una opportunità se affrontati serenamente e con grande senso di responsabilità ricordando sempre che la nostra città non può permettersi errori di alcun genere in termini di pianificazione urbanistica”.

“Nessuno stallo dunque – conclude Verrocchio – la nostra amministrazione è impegnata su più fronti per il bene della collettività ed è aperta al dialogo e al confronto. È questo il modus operandi di chi ha a cuore il bene pubblico e lo antepone alle ambizioni personali e ai ricatti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *