Rapporto incidenti 2018: Teramo non più maglia nera d’Abruzzo

Rapporto incidenti 2018: Teramo non più maglia nera d’Abruzzo

La provincia di Teramo perde il primato di maglia nera d’Abruzzo per numero di incidenti. Ma i morti e i feriti sulle strade restano tanti. “Il lavoro di prevenzione deve continuare”, sostiene con forza il presidente dell’ACI di Teramo, Carmine Cellinese, insieme al direttore Gabriele Irelli.

La fotografia emerge dall’indagine annuale dell’ACI riferita al 2018. Se in Italia lo scorso anno c’è stato un calo sia degli incidenti (-1,5%), che dei morti e dei feriti, in Abruzzo il trend è differente visto che si sono contati 3.145 incidenti (299 in più del 2017) con 76 morti (7 più dell’anno precedente) e 4.395 feriti (+288). Nelle singole province, Teramo si colloca al secondo posto dietro a Pescara per numero di incidenti, ed è seconda a Chieti per numero di morti. Rispetto all’indagine precedente, la situazione è stabile se non per il lieve contenimento del numero di incidenti e dei morti. Un netto miglioramento c’è stato, invece, nei casi di persone ferite. I numeri parlano di 848 incidenti (2 in più rispetto al 2017), 19 morti (una vittima in meno) e 1.238 feriti (37 casi in meno rispetto all’anno precedente). Il parco circolante è di 280.053 veicoli, cioè il più alto tra le quattro province abruzzesi. Il maggior numero di sinistri si è verificato nel capoluogo (134), seguito da Roseto (104) e Giulianova. Il tributo più alto in termini di vite umane è stato pagato da Teramo e Martinsicuro, entrambe con tre vittime ciascuna, seguite da Roseto con due morti e uno a Giulianova.

“L’aumento degli incidenti ci rende ancora più motivati e determinati a perseguire il lavoro di prevenzione e sensibilizzazione che come Aci di Teramo portiamo avanti nelle scuole”, commenta Cellinese. Importante anche il ruolo delle istituzioni: “Non sfugge quanto la viabilità sia gravemente compromessa dal dissesto idrogeologico – chiosa il presidente dell’Aci – ma anche dalle manutenzioni esigue”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *