Ricostruzione 2016: tutti i numeri dei cantieri e dei progetti dell’Ater Teramo

Ricostruzione 2016: tutti i numeri dei cantieri e dei progetti dell’Ater Teramo

Sei interventi in fase di realizzazione, tre progetti in fase di approvazione, tredici progetti in fase conclusiva. Sono alcuni dei numeri relativi allo stato di avanzamento delle procedure per la ricostruzione post sisma 2016 di 61 edifici di proprietà Ater Teramo danneggiati dal sisma, resi noti dal presidente Maria Ceci. Nello specifico, sono in corso interventi su sei edifici a Teramo, Rocca Santa Maria, Notaresco, Basciano, Castelli e Valle Castellana, in fase di approvazione i progetti per tre interventi su edifici a Montorio al Vomano, Valle Castellana e Colledara. Sono invece in fase conclusiva altri 13 interventi su Teramo, Montorio al Vomano, Atri, Valle Castellana, Campli, Cermignano, Civitella del Tronto e Cortino, mentre sono state concluse 16 procedure di gara per l’affidamento di incarichi di progettazione, delle quali cinque su Teramo, due su Montorio, due su Martinsicuro, due su Isola del Gran Sasso, Atri, Bisenti, Silvi, Mosciano Sant’Angelo, Roseto degli Abruzzi. Le procedure di gara in corso di espletamento, infine, sono 8 delle quali sette su Teramo e una su Basciano, mentre 10 sono in fase di avviamento: otto su Teramo e le altre due su Montorio al Vomano e Giulianova. Altre 5 procedure relative a edifici su Teramo inoltrate all’Anac sono in attesa del nulla osta.

“In fase di elaborazione del cronoprogramma, nell’individuazione dei vari step operativi, si è anche tenuto conto delle variabili esterne che inevitabilmente concorrono nella determinazione degli atti di competenza: pareri, controlli, nulla osta e autorizzazioni dei vari enti preposti e sovraordinati, che inevitabilmente possono portare ad un allungamento dell’iter procedimentale – sottolinea Ceci – al fine di ridurre al massimo i tempi procedimentali è stato instaurato un rapporto sinergico sia con la struttura del Commissario per la ricostruzione, con l’Ufficio Speciale per la Ricostruzione di Teramo e con il Genio Civile, anche con interlocuzioni informali in fase intermedia, che sono risultati particolarmente efficaci per il rilascio dei provvedimenti dei rispettivi uffici”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *