Ricostruzione: il 15 gennaio i sindaci del cratere sismico manifestano a Roma

Ricostruzione: il 15 gennaio i sindaci del cratere sismico manifestano a Roma

Il 15 gennaio 138 sindaci del cratere sismico manifesteranno a Roma per tornare a “reclamare con forza i diritti delle nostre popolazioni”. Lo annuncia il sindaco di Teramo e presidente ANCI Abruzzo, Gianguido D’Alberto. “Sarà una mobilitazione forte, istituzionale, per dare un segnale di contrarietà rispetto alla sottovalutazione subita in questi tre anni e soprattutto per lanciare una spinta diversa, un passo diverso, e riaprire subito il tavolo normativo”, spiega D’Alberto.

“L’inizio del nuovo anno non modifica la posizione sull’intensità dell’azione dell’ANCI in merito alla necessità di sbloccare e far partire realmente la ricostruzione del cratere sismico del Centro Italia”, dichiara D’Alberto attraverso un comunicato stampa. “Anzi il livello della tensione e della spinta istituzionale e quello delle sollecitazioni delle comunità dei territori saranno ulteriormente incrementati”. I sindaci del cratere non sono soddisfatti dell’approvazione del Decreto Sisma convertito in legge a fine anno: “Si continua a lavorare con misure ordinarie, perpetrando le lentissime procedure della ricostruzione pubblica e privata”, evidenzia il primo cittadino teramano. “Il Decreto Sisma è stato positivo laddove ha aperto un campo di discussione, ma le misure introdotte, come detto, non sono state sufficienti. Occorre riaprire il tema: farlo con il Governo, con il Parlamento, con i nostri rappresentanti istituzionali a Roma che devono essere portatori e portavoce delle istanze dei territori per trasformarle nelle norme di cui abbiamo bisogno”. Le parole di D’Alberto non sono morbide: “La mobilitazione di tutti i sindaci promossa dall’ANCI del cratere sismico ha l’obiettivo di alzare il livello della tensione istituzionale e il livello della voce dei territori che sono stati totalmente schiaffeggiati da chi ha gestito negli ultimi tre anni la ricostruzione post-terremoto”.

Ma oltre al piano normativo c’è anche quello istituzionale: il mandato del commissario straordinario per la Ricostruzione, Piero Farabollini, è scaduto il 31 dicembre. “Chiediamo al Governo di non lasciare vuoti e di intervenire subito con la scelta del nuovo Commissario e la definizione della nuova struttura commissariale – incalza D’Alberto – Non vogliamo prorogatio, quindi con limitatezza di poteri, ma immediata operatività. Ciò che chiediamo lo abbiamo già detto e torniamo a ribadirlo: è necessario un Commissario di alto profilo politico, nel senso elevato del termine, una figura che abbia l’autorevolezza, la credibilità e la forza politica di raccogliere le istanze dei territori, dei Comuni, dei sindaci, delle comunità, dei tecnici degli USR, delle Regioni e le porti con energia e autorevolezza al tavolo del Governo per rappresentarle e trasformarle in decisioni. Un Commissario, perciò – continua il presidente ANCI Abruzzo – che sia presente all’interno di Palazzo Chigi e quindi che possa dialogare quotidianamente col Governo, non una mera struttura burocratica. Abbiamo bisogno di un interlocutore – conclude D’Alberto – che sia capace di dare risposte ad un territorio le cui esigenze fino ad oggi sono state gravemente sottovalutate”.

Il servizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *