Riordino rete ospedaliera, Mariani chiede un tavolo istituzionale provinciale

Riordino rete ospedaliera, Mariani chiede un tavolo istituzionale provinciale

Il consigliere regionale Sandro Mariani chiede al presidente della Provincia di Teramo, Diego Di Bonaventura, la costituzione di un tavolo istituzionale provinciale che veda la presenza di tutti i consiglieri regionali teramani, del presidente e dei componenti del comitato ristretto dei sindaci, per elaborare una proposta unitaria di riordino della rete ospedaliera teramana “che sappia dare riconoscimento alle ambizioni di sviluppo del territorio e punti a tutelare il diritto alla salute dei teramani”. In una nota Mariani afferma che la bozza del piano di riordino della rete ospedaliera 2019/2021 proposto dalla Giunta regionale “andrà a penalizzare, e non poco, lo sviluppo della sanità pubblica nella nostra provincia che sarà subalterna alle altre province abruzzesi. Si tratta, senza mezzi termini – prosegue il capogruppo di Abruzzo in Comune – di un piano che non ha ambizioni reali di riforma dell’offerta sanitaria provinciale e che attribuisce alle provincie di L’Aquila e Pescara le basi organizzative per ottenere nel prossimo futuro le sedi dei Dea funzionali di secondo livello”.

In previsione della disponibilità delle risorse del Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza), Mariani invita ad “accantonare le visioni di parte” ed elaborare un “patto di sindacato territoriale”: “Sono certo che, lavorando tutti assieme, potremo rilanciare la sanità della nostra provincia mettendo in campo un importante programma di riorganizzazione della rete territoriale dell’assistenza sanitaria che sia finalizzato all’accesso in prossimità alle prestazioni sanitarie in maniera integrata con la rete ospedaliera per i pazienti cosiddetti acuti”, sostiene Mariani. “Il mio è un appello a quelle persone che hanno realmente a cuore il futuro della sanità teramana, per questo auspico che si possano unire le forze e, in un’ottica di collaborazione istituzionale, elaborare una proposta unitaria di riordino della rete ospedaliera teramana che sappia dare riconoscimento alle ambizioni di sviluppo del nostro territorio”, conclude Mariani, chiedendo a Di Bonaventura e al presidente del comitato ristretto dei sindaci, Gianguido D’Alberto, di organizzare un incontro operativo con tutti i consiglieri regionali teramani per discutere insieme una proposta unitaria di riorganizzazione della rete ospedaliera teramana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *