Rosetana – Nuova Santegidiese 0-0

Rosetana – Nuova Santegidiese 0-0

Promozione – Girone A, 3^ giornata | Rosetana-Nuova Santegidiese 0-0

Avanti adagio, in una partita nella quale agonismo, e qualche nervosismo di troppo, alla fine diventano elementi caratterizzanti di un confronto che stenta a decollare. Alla fine il nulla di fatto fotografa una partita spezzettata dove da un versante, e dall’altro, manca l’episodio decisivo per poter scrivere un finale diverso. La Nuova Santegidiese, che gioca quasi l’intera ripresa in 10, confeziona le occasioni migliori per sbloccare la situazione. La Rosetana, però, segue con attenzione il suo disegno tattico: pressare e poi provare a ripartire. Nella prima frazione biancazzurri e giallorossi si sfidano a colpi di stoccate.

La Sant sfiora il vantaggio al 10’: bello lo scambio nello stretto tra Di Blasio e Traini con il sinistro a giro del numero 10 che sfiora di un nulla l’incrocio dei pali. La risposta del team di Barnabei è affidato al sinistro di De Lazzari. La Nuova Santegidiese non riesce, con di consueto a proporre le consuete verticalizzazione e questo, in parte, lo si deve all’attenzione della Rosetana, che cerca di tenere strette le linee. Al 27’ la Nuova Sant ha un’altra palla-gol: Pietrucci per Traini a tu per con Pirozzi che gli respinge la conclusione. La Rosetana torna a farsi vedere alla mezzora con il tentativo dalla distanza di Spahiu: sfera larga, seppur di poco.

Alla ripresa della ostilità, la partita sembra viaggiare su binari diversi. Il primo brivido lo regala De Lazzari al 3’, dopo una leggerezza in disimpegno dei giallorossi. Poi al 5’ la Santa confeziona la palla-gol più limpida: Traini innesca Di Blasio nello spazio. L’attaccante mira l’angolo lontano ma centra in pieno in palo. Passano 60’ secondi e i vibratiani restano in 10. Ingenuo Traini che sbraccia e colpisce Ciminà che rotola a terra. L’arbitro, poco distante, non ha esitazioni ed estrae il rosso.

De Amicis non muta l’atteggiamento tattico dei suoi. Mantenendo i tre in attacco, con l’unica variante rappresentata dall’ingresso del giovane Maiga Silvestri per Pediconi. La Rosetana, prova ad alzare un po’ il baricentro, ma si intuisce che i locali non vogliono rischiare. Rischia, invece, la Sant al 25’, quando Fabrizi, pressato, perde palla, ad opera di Pavone, che poi conclude fuori. La partita resta bloccata, con parecchie interruzioni. Al 31’ Rometta ci mette un piede, salvando la conclusione, forse a colpo sicuro. Di Di Giorgio. Mentre al 34’ in transizione conclude Spahiu, ma la palla è larga. Si continua a lottare fino alla fine, ma il risultato non cambia.

ASCOLTA LE PAROLE DEI DUE ALLENATORI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *