Roseto, arrestato uno dei rapinatori della gioielleria Angarano

Roseto, arrestato uno dei rapinatori della gioielleria Angarano

Fu un episodio di particolare violenza che segnò profondamente la cittadinanza rosetana. La rapina alla nota gioielleria Angarano di Roseto degli Abruzzi, compiuta lo scorso 10 ottobre, lasciò segni non solo emotivi, ma anche fisici, sui titolari dell’esercizio. La proprietaria del negozio, in particolare, fu aggredita con l’utilizzo di un taser, un’arma che genera scariche elettriche. Subito dopo il colpo scattarono le indagini della Squadra Mobile della Questura di Teramo, avviate nell’immediatezza dal Commissariato di Atri, coordinate dalla Procura di Teramo. Ieri il primo risultato, con l’arresto a Roma di un pregiudicato di 65 anni, M.M., per i reati di rapina pluriaggravata e lesioni pluriaggravate. Fu lui, con l’aiuto di due complici, che si accanì con calci e pugni alla testa e al corpo la titolare e, dopo averla stordita con un dissuasore elettrico, si impossessò di gioielli in oro ed orologi. A seguito dell’aggressione, la sfortunata commerciante riportò un trauma cranico con escoriazioni al collo e un trauma toracico con frattura di una costola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *