Roseto, Petrini spegne le polemiche: “Niente organico nel centro di raccolta”

Roseto, Petrini spegne le polemiche: “Niente organico nel centro di raccolta”

L’assessore all’ambiente del Comune di Roseto, Nicola Petrini, torna sul progetto del centro di raccolta alla luce delle polemiche sollevate dalla neonata associazione Ascom e dal consigliere d’opposizione Mario Nugnes che giudica fuorvianti e poco corrette visto che tendono a rappresentare ai cittadini pericoli ambientali che non esistono. “Non è un caso che la localizzazione del nuovo centro sia in prossimità del centro abitato, perché l’impianto si configura come un servizio ulteriore per i rosetani che possono disfarsi di un ingombrante che fino a qualche giorno prima era in casa e che un domani può essere depositato per qualche giorno in un container prima di essere prelevato e smaltito- dichiara Petrini – Del resto abbiamo previsto all’interno anche spazi per la didattica, a testimonianza di come il progetto sia del tutto compatibile con le ragioni ambientali e di salute. Peraltro – prosegue Petrini – sostenere che un domani potrà essere conferito l’organico, quindi con i rischi derivanti dal percolato, significa fare sciacallaggio politico visto che per l’organico a Roseto è sempre stato deputato l’altro centro di raccolta della zona dell’autoporto, i cui lavori sono stati rallentati dall’emergenza Covid e che presto riaprirà i battenti”. Nel nuovo centro è previsto solo il deposito di potature, ingombranti, carta e plastica, oltre a rifiuti di apparecchi elettronici in una struttura coperta. Infine ci sarà un centro del riuso costituito da 8 container navali rigenerati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *