VIDEO | Roseto: scoperta autodemolizione abusiva nella riserva del Borsacchio

VIDEO | Roseto: scoperta autodemolizione abusiva nella riserva del Borsacchio

Laddove ti aspetti di incontrare solo dune, vegetazione spontanea e specie protette, come il celebre fratino, ecco che la mano dell’uomo arriva con tutta la sua violenza a deturpare uno degli ultimi tratti incontaminati della fascia costiera adriatica in Abruzzo. A fare la scoperta dell’ennesimo scempio ambientale sono stati i finanzieri della Tenenza di Roseto degli Abruzzi che hanno sequestrato un’area di circa 6.700 metri quadrati all’interno della riserva naturale del Borsacchio, occupata da un’autodemolizione abusiva.

A segnalarne la presenza è stato il reparto aeronavale della Guardia di Finanza di Pescara che ha individuato l’area grazie al controllo del territorio effettuato dall’alto con l’elicottero AW139. Già dai primi accertamenti svolti dai militari di Roseto attraverso l’utilizzo delle banche dati in uso al Corpo, finalizzati a riscontrare le informazioni trasmesse dal reparto aeronavale, è emerso che lo sfasciacarrozze era collocato all’interno della riserva naturale, istituita con legge regionale e soggetta a stringenti limiti edilizi e commerciali, oltre che a vincoli ambientali e paesaggistici. L’attività abusiva si è presentata ai finanzieri come un deposito a cielo aperto di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi: tra i tanti materiali stoccati c’erano scarti di olio minerale per motori, imballaggi contenenti residui di sostanze pericolose, materiali filtranti, veicoli fuori uso, metalli non ferrosi, veicoli e pneumatici fuori uso. Tutto esposto direttamente all’azione degli agenti atmosferici con il rischio, in particolare per gli oli esausti e le altre sostanze pericolose, di penetrare nel terreno e inquinare l’eventuale falda acquifera. L’intera area, con annesso un fabbricato, è stata quindi sottoposta a sequestro penale ed il responsabile è stato segnalato all’autorità giudiziaria per il reato di abbandono incontrollato di rifiuti ed attività di rifiuti non autorizzata.

IL SERVIZIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *