Roseto, spacciatore tenta di fuggire sul tetto: arrestato operaio insospettabile

Roseto, spacciatore tenta di fuggire sul tetto: arrestato operaio insospettabile

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando provinciale di Teramo nella tarda serata di martedì hanno arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti un 40enne di Roseto (D.C.S. le iniziali del nome). I militari da giorni erano sulle tracce di un insospettabile spacciatore, un operaio sposato con figli, che stava emergendo quale persona di sicuro affidamento per la fornitura di stupefacente di buona qualità.

I carabinieri, dopo numerosi servizi di osservazione e pedinamento, sono riusciti ad individuare la residenza dello spacciatore e si sono quindi appostati in attesa del suo rientro. Quando l’uomo ha fatto ingresso nel condominio, i carabinieri hanno cercato di bloccarlo ma il pusher è riuscito a fuggire sul tetto dal quale, poco prima di essere fermato, ha lanciato una cassettina metallica contenuta all’interno dello zaino che indossava a tracolla. L’oggetto è stato recuperato sul terrazzo di un vicino edificio. Dopo un tentativo di sottrarsi a qualsiasi responsabilità, l’uomo ha ammesso le proprie colpe ed ha fornito agli uomini dell’Arma la chiave per aprire la cassetta metallica al cui interno sono state trovate 42 dosi di cocaina. La successiva perquisizione domiciliare ha permesso di rinvenire due bilancini di precisione, materiale da taglio e confezionamento e la somma contante di 4.200 euro, ritenuta provento dell’attività di spaccio.

L’uomo non aveva precedenti specifici ma solo una vecchia denuncia per reati contro la persona ed è stato posto agli arresti domiciliari. Oggi il Gip del tribunale di Teramo ha convalidato l’arresto e il sequestro di tutto il materiale illegale e del denaro, confermando i domiciliari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *