Ruzzo, azzerato il Cda: si dimettono anche Alessia Cognitti e Alfredo Grotta

Ruzzo, azzerato il Cda: si dimettono anche Alessia Cognitti e Alfredo Grotta

Azzerato il Cda della Ruzzo Reti. Con un annuncio che va in direzione contraria rispetto a quanto comunicato due giorni fa, il presidente Alessia Cognitti e il consigliere di amministrazione Alfredo Grotta, si dimettono seguendo la decisione del terzo componente del Cda, Antonio Forlini. In quella circostanza, nella nota dell’azienda, si dettavano i tempi per la sostituzione di Forlini (che ha lasciato l’incarico per motivi professionali che non gli consentono di dedicare il giusto tempo alla carica ricoperta), preceduta dalla preventiva condivisione con i Comuni soci. Oggi, invece, il dietrofront: “A norma di Statuto – dichiarano Cognitti e Grotta – avremmo potuto semplicemente sostituire il membro dimissionario e chiedere la ratifica dell’Assemblea entro 2 mesi, restando in carica per altri 2 anni, ma abbiamo ritenuto trasparente ed opportuno offrire ai Soci la possibilità di una riflessione complessiva riguardo l’operato di tutto il Consiglio d’amministrazione, anche con riferimento all’ultimo anno di lavoro”. Quando, va ricordato, i ruoli all’interno del Cda sono cambiati con la carica di presidente passata da Forlini all’avvocato Alessia Cognitti.

“Il rapporto da sempre collaborativo, leale e trasparente tra i Sindaci e l’attuale governance – si legge ancora nel comunicato – ci suggerisce quindi, anche in questa fase, di porre in secondo piano le aspirazioni personali in favore di una valutazione ulteriore e complessiva sul futuro dell’ente in un periodo di cruciale importanza in cui si sta imprimendo un notevole cambiamento di gestione rispetto ad un passato ormai noto a tutti”. Quello di Alessia Cognitti e Alfredo Grotta, però, non è un addio definitivo. Anzi i due membri del Cda si ricandidano a tornare ai loro posti: “Naturalmente – concludono – se i Sindaci soci dovessero continuare a ritenere positivo il nostro impegno, unanimemente o anche a larga maggioranza, offriamo sin d’ora la nostra disponibilità a proseguire il percorso di risanamento ed efficientamento del Ruzzo”.

Il servizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *