San Nicolò: pronto il progetto definitivo della ex scuola Carlo Febbo

San Nicolò: pronto il progetto definitivo della ex scuola Carlo Febbo

Gli architetti Isabella Ciavarelli e Rino Orsatti hanno consegnato al Comune il progetto definitivo-esecutivo di riqualificazione della ex scuola Carlo Febbo di San Nicolò e dell’area esterna, rimodulato dopo il confronto con i cittadini e le associazioni e scelto dall’amministrazione proprio sulla base delle richieste rappresentate. Ora l’elaborato dovrà essere validato dalla Giunta, prima di indire la gara per l’individuazione della ditta che svolgerà i lavori. Viene così compiuto un nuovo passo nel percorso di recupero dell’importante struttura che ha un particolare significato per la principale frazione cittadina. “Un traguardo reso possibile innanzitutto – ricorda una nota del Comune di Teramo – dal recupero del finanziamento quasi perduto, per il quale l’amministrazione D’Alberto era impegnata sin dall’insediamento attraverso un’intensa interlocuzione con la Regione Abruzzo, tesa a tornare nella disponibilità di 551.000 euro già assegnati ma sfumati a causa del mancato avvio dei lavori, che sarebbero dovuti partire nel 2013″.

Già nell’estate del 2018 la ex Carlo Febbo era stata oggetto di un intervento di bonifica per rimuoverne lo stato di degrado sia esterno che interno. Erano seguiti gli incontri con i residenti e le associazioni interessate, da cui si era sviluppato un percorso partecipativo per acquisire le segnalazioni da rappresentare ai progettisti. E’ stata così redatta una proposta progettuale che riqualifica l’esterno prevedendo in esso l’allargamento degli spazi, un’area verde integrata con un teatrino, un’area giochi per bambini,  una casetta scambialibro: tutti elementi che hanno l’obiettivo di fare del sito un centro di aggregazione per le famiglie, i bambini, le scuole e dunque uno spazio di riferimento per la frazione. Ora si aprirà una seconda fase partecipativa, riguardante l’interno dell’edificio e volta a definirne la destinazione, sempre rimanendo nell’indirizzo di riservarlo a finalità pubbliche, per ospitare servizi comunali, un centro di aggregazione per giovani, una sala polivalente, una biblioteca e spazi per le associazioni. Per il nuovo complesso è già stata individuata l’intitolazione; sin da quando sedeva sui banchi dell’opposizione, Gianguido D’Alberto aveva proposto, anche attraverso passaggi formali, di dedicarlo ad Ernino D’Agostino, rimpianto presidente della Provincia e figura di grande spessore umano e sociale, proposito ripreso recentemente dal consigliere Lanfranco Lancione, che è tornato a prospettarlo nel corso di un incontro con i residenti.

“Stiamo accelerando per realizzare un sogno che la frazione di San Nicolò nutre da anni – commenta D’Alberto – Abbiamo recuperato le risorse, dialogato con i cittadini e indicato le linee operative ai progettisti. Insomma, siamo ad un passo dal riscatto di un’area fondamentale per la frazione di San Nicolò, che grazie ad essa può alimentare con nuova energia un significativo sentimento di appartenenza. Ringrazio tutti coloro che sono stati artefici di questo cammino: la Regione, con la quale abbiamo tessuto un’ottima interlocuzione per recuperare il finanziamento; i progettisti, che hanno colto appieno le nostre indicazioni; l’ingegner Puritani dell’ufficio tecnico comunale; il consigliere Lanfranco Lancione che ha fatto sua la causa della ex Carlo Febbo, impegnandosi con energia per raggiungere il risultato atteso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *