Sant’Egidio alla Vibrata, continua a minacciare la moglie dopo la condanna: arrestato

Sant’Egidio alla Vibrata, continua a minacciare la moglie dopo la condanna: arrestato

Un partener violento, che era già stato condannato per maltrattamenti in famiglia, è stato nuovamente arrestato per il reiterarsi delle sue condotte violente e aggressive. L’uomo era già stato condannato in passato per maltrattamenti ai danni della compagna convivente ed era stato sottoposto al divieto di avvicinamento alla donna. In particolare aveva messo in atto comportamenti violenti, offensivi, ingiuriosi, prevaricatori e vessatori, tali da rendere impossibile il rapporto di convivenza familiare. L’uomo, dopo avere intrapreso una relazione extraconiugale con un’altra donna, era stato scoperto dalla compagna e pretendeva che quest’ultima accettasse la situazione senza ribellarsi, manifestando nei suoi confronti comportamenti nervosi, aggressivi ed irritabili, non perdendo occasione per mortificare la donna. La convivente aveva così deciso di lasciarlo e si era trasferita insieme ai tre figli in un’altra abitazione.

Successivamente, però, l’uomo aveva cercato un riavvicinamento, presentatosi più volte presso l’abitazione dell’ex compagna e intimandole di ritornare con lui. Al rifiuto della donna, l’uomo era andato su tutte le furie e l’aveva minacciata di morte, anche alla presenza dei figli minori. A quel punto la vittima, temendo per la propria incolumità e visto il carattere violento dell’ex, aveva deciso di rivolgersi ai carabinieri di Sant’Egidio alla Vibrata, che una volta raccolta la denuncia hanno rimesso un’informativa di reato alla Procura di Teramo. Valutati gli episodi, la Procura ha chiesto e ottenuto dal Gip l’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere per maltrattamenti in famiglia. I carabinieri, una volta rintracciato l’uomo, gli hanno notificato il provvedimento cautelare e successivamente lo hanno trasferito nella Casa Circondariale di Ascoli Piceno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *