Scuola di Colleatterrato, sono cinque gli indagati: tra questi, due sono dirigenti del comune di Teramo

Scuola di Colleatterrato, sono cinque gli indagati: tra questi, due sono dirigenti del comune di Teramo

Il quotidiano Il Centro questa mattina elenca i nomi degli indagati nell’inchiesta sulla scuola antisismica di Colleatterrato Basso, inaugurata appena qualche settimana fa dopo anni di attese e polemiche.

I nomi in questione sono ben conosciuti; sono cinque gli indagati, due dei quali sono dirigenti del Comune di Teramo. Si tratta di Remo Bernardi, dirigente dell’ area 6 Lavori pubblici e manutenzione del Comune, e di Gianni Cimini, attualmente dirigente dell’area 7 Ricostruzione, pianificazione sostenibile e rigenerazione della città e all’epoca dei fatti (e in questa veste indagato) responsabile unico del procedimento riguardante l’appalto per l’affidamento dei lavori della scuola.

Gli altri indagati sono Ennio Abbatescianni, nella sua veste di legale rappresentante di “Linea Informatica srl”, Remo Di Carlo, legale rappresentante di “Sife Srl”, le due società che all’epoca hanno costituito l’Ati, l’associazione temporanea di imprese, per l’appalto della scuola, e l’architetto Stefano Mariotti nella sua veste di direttore dei lavori. Le accuse ipotizzate dalla Procura sono l’abuso d’ufficio, la turbata libertà degli incanti e la truffa.

Secondo la Procura all’associazione di imprese sarebbe stato procurato un vantaggio patrimoniale consistito nell’affidamento diretto senza gara pubblica di lavori per un importo complessivo di circa 450mila euro. Ai due imprenditori, inoltre, viene contestata la turbata libertà degli incanti perché, secondo l’accusa, la costituzione dell’Ati sarebbe risultata funzionale esclusivamente a garantire il cumulo di requisiti speciali di qualificazione per la partecipazione alla gara d’appalto ma da parte dell’impresa mandataria non ci sarebbe stata partecipazione all’esecuzione dell’appalto. Abbatescianni e Di Carlo, inoltre, sono indagati anche per truffa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *