Serie C | Il Teramo resiste ad Avellino (0-0): ma il punto non serve a nessuno

Serie C | Il Teramo resiste ad Avellino (0-0): ma il punto non serve a nessuno

Il Teramo strappa un pareggio nella difficile trasferta di Avellino, sul campo della vicecapolista, mantenendo la porta inviolata grazie ad una prestazione di sostanza, in particolare nel secondo tempo quando gli irpini hanno aumentato la pressione alla ricerca del gol. Ma quello che, sul campo, sembrerebbe un punto importante, finisce per essere un risultato indigesto ad entrambe le squadre. L’Avellino, infatti, si vede raggiungere in classifica dal Catanzaro che, in virtù degli scontri diretti, gli sfilerebbe il secondo posto. I biancorossi, invece, non approfittano del ko del Foggia (3-0) a Castellamare di Stabia per agguantare il settimo posto. Anzi, si vedono sorpassare dal Palermo, vittorioso sulla retrocessa Cavese (3-2) e scivolare così in nona posizione. Per la griglia playoff saranno decisivi gli ultimi 90 minuti: il Teramo (49 punti) affronterà la Viterbese dell’ex Maurizi senza più obiettivi, il Palermo (50 punti) sarà ospite della Virtus Francavilla ancora a caccia della matematica salvezza, e il Foggia (50 punti) se la vedrà con il Catania in lotta per la miglior posizione playoff (balla tra il quarto e il sesto posto).

Sulla contesa del “Partenio” va elogiato il Teramo “verde” schierato in campo da Paci, alle prese ancora con tantissime assenze. Esordio dal primo minuto per Lombardi, accanto al regista Arrigoni. Cappa ancora terzino sinistro, Trasciani centrale difensivo con Soprano, Birligea esterno offensivo e Kyeremateng ancora una volta riferimento avanzato. Nel primo tempo la gara è equilibrata. Birligea va vicino alla rete al 16′; risposta dei padroni di casa al 34′ con una conclusione di Maniero deviata in angolo da un difensore.

Nella ripresa la prima grande occasione è ancora del Teramo con Kyeremateng che si ritrova a tu per tu con Forte, bravo a neutralizzarne il tiro. Poi è l’Avellino a menare le danze, chiudendo il Diavolo costantemente nella propria metà campo. Ci prova il neoentrato Fella al 59′ ma trova pronto Lewandowski. Il portiere polacco è decisivo al 66′ sul colpo di testa di Maniero, pronto a gridare al gol. Nonostante la pressione, i biancorossi tengono botta, confermando di trovarsi molto più a loro agio contro le grandi del campionato. Un buon viatico in vista dei playoff.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *