Serie C, il Teramo riparte da Lentini con il 4-3-1-2

Serie C, il Teramo riparte da Lentini con il 4-3-1-2

Il Teramo riparte da Lentini per inaugurare il girone di ritorno dopo la lunga pausa del campionato di serie C (ultima gara il 15 dicembre, quasi un mese fa). Lo scenario del girone C è cambiato tanto, a partire dalla classifica: in ultima posizione c’è il Rieti dopo la penalizzazione di 4 punti inflitta ieri dal TFN per stipendi e contributi non pagati. A beneficiarne proprio l’avversario di domani del Diavolo, la Sicula Leonzio, tra le più attive finora sul mercato con arrivi (Bucolo, Catania, Lia) e partenze (Megelaitis e Ripa finora, ma non saranno i soli). L’esatto contrario dell’immobilismo biancorosso. Primi dieci giorni di mercato senza alcun movimento: trattative finora infruttuose sia per sistemare altrove Cianci e Martignago, sia per accogliere i loro sostituti (no di Curiale, resta in piedi Barisic) e un nuovo terzino sinistro. Dunque anno nuovo, Teramo vecchio. Ma non scontato. Il tecnico Bruno Tedino, infatti, intende tornare all’antico e rimodellare la squadra con il 4-3-1-2. Insieme all’indicazione societaria di concedere più spazio ai giovani, ecco che il Teramo di Lentini sarà diverso, complici anche le squalifiche di Piacentini e Mungo. Dietro, accanto a Cristini, Tedino deve sciogliere il ballottaggio tra Iotti e Soprano. In regia Viero dovrebbe soffiare il posto ad Arrigoni, mentre per le altre maglie in mediana Santoro sembra più sicuro di Ilari e Bombagi (non al meglio in settimana). A Costa Ferreira dovrebbe spettare il compito di agire sulla trequarti dietro a Magnaghi e Minelli. Ma occhio ai giovani Cappa e Birligea, più volte testati da Tedino in allenamento. Al di là di uomini e moduli, il Teramo dovrà iniziare nel migliore dei modi il girone di ritorno per imprimere quel cambio di marcia da più parti auspicato. La classifica a metà percorso non è quella che ci si aspettava: fare risultato in trasferta, dove il Diavolo ha finora latitato (solo una vittoria e 6 punti conquistati) sarebbe il modo per ripartire alla grande.

Il servizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *