VIDEO | Serie C, tra Paganese e Teramo vince la noia (0-0)

VIDEO | Serie C, tra Paganese e Teramo vince la noia (0-0)

Un punto che va annoverato tra i risultati positivi perché permette di consolidare la posizione in zona playoff, visti i risultati delle dirette concorrenti: le sconfitte di Virtus Francavilla (attesa al “Bonolis” domenica prossima), Cavese e Avellino portano il margine di vantaggio dalle inseguitrici a +4. Un piccolo passo avanti, dunque, per il Teramo e poco più. Per il resto il pari a reti inviolate di Pagani non offre molto da raccontare. Né la Paganese, né i biancorossi si sono sforzati più di tanto per provare a vincere. Complici anche un terreno di gioco su cui far girare la palla era impossibile e un vento fastidioso che rovinava le traiettorie, lo 0-0 è stato il giusto riflesso di una gara avara di emozioni.

Senza gli infortunati Minelli e Viero, Cetteo Di Mascio ripropone il 4-3-3 visto contro il Potenza. Oltre ad Arrigoni in regia, le altre novità sono Soprano per Cristini al centro della difesa e Ilari per Mungo a centrocampo. L’avvio dei padroni di casa è fulmineo: dopo nemmeno un minuto gli azzurrostellati ripartono in contropiede servendo Diop che trova sul primo palo l’attenta copertura di Tomei. Sarà, in fin dei conti, l’occasione più pericolosa dell’intera partita. Il Teramo fa fatica a prendere le misure al campo e all’avversario, cercando di giocare con il fioretto su una pedana allestita per la sciabola. La Paganese va di lanci lunghi e almeno riesce a tenere sul chi va là la retroguardia ospite. Sul finire della prima frazione, occasione per il Diavolo da un calcio di punizione tagliato di Arrigoni che pesca la testa di Ilari, respinge Baiocco. Un minuto dopo da calcio d’angolo è Piacentini di testa a mandare di poco alto.

In avvio di ripresa Di Mascio lascia in panchina Cappa per dare spazio a Mungo che si piazza insieme a Bombagi alle spalle di Magnaghi. Il numero 11 ha voglia di fare e dopo quattro minuti offre una buona palla a Santoro, tiro potente ma centrale. La gara offre sempre meno spunti col passare dei minuti. Al 70′ la Paganese protesta con l’arbitro per un tocco di mano in area di Piacentini. Al 78′, nel nulla generale, Diop prova a pescare il classico coniglio dal cilindro ma non sorprende Tomei. C’è tempo alla fine per l’espulsione di Schiavino che lascia i suoi in dieci per tutto il recupero. Ma il Teramo non ha la forza di approfittarne visto che anche gli ultimi cambi (Florio, Birligea e Costa Ferreira) non apportano nulla. Il pareggio esterno muove la classifica col Teramo sempre all’ottavo posto. Domenica occasione interna contro la Virtus Francavilla per scalare qualche posizione e allontanare ancor di più le inseguitrici.

PAGANESE (4-3-1-2): 1 Baiocco; 5 Mattia, 23 Schiavino, 2 Panariello, 27 Perri; 6 Bramati (54′ 8 Caccetta), 21 Bonavolontà (63′ 17 Calil), 7 Gaeta (85′ 13 Stendardo); 10 Scarpa; 11 Diop, 23 Guadagni. A disp. 22 Scevola, 30 Campani, 4 Sbampato, 9 Alberti, 14 Carotenuto, 15 Cavucci, 24 Acampora, 29 Musso. All. Erra.

TERAMO (4-3-3): 1 Tomei; 29 Cancellotti, 5 Soprano, 26 Piacentini, 3 Tentardini (74′ 2 Florio); 21 Santoro (74′ 25 Birligea), 8 Arrigoni (79′ 7 Costa Ferreira), 20 Ilari; 23 Cappa (46′ 11 Mungo), 9 Magnaghi, 19 Bombagi. A disp. 12 Valentini, 22 Lewandowski, 4 Cristini, 10 Ekue Goodfried, 18 Iotti, 24 Fiore, 32 Samele, 33 Di Nisio. All. Di Mascio

Arbitro: Claudio Panettella di Gallarate (Rosario Grasso e Milos Tomasello Andulajevic di Messina)

Ammoniti: Cancellotti (T), Caccetta (P)
Espulsi: Schiavino (P)
Spettatori: 800 circa (51 in curva ospiti)
Recupero: 2’pt, 5’st

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *