Silvi, convenzione con la Regione per la realizzazione del centro raccolta rifiuti

Silvi, convenzione con la Regione per la realizzazione del centro raccolta rifiuti

Con la firma della convenzione tra Regione e Comune di Silvi si conclude l’iter amministrativo propedeutico alla redazione del progetto esecutivo e l’avvio dei lavori per la realizzazione del Centro di raccolta con annessa area di trasbordo in contrada Piane Maglierici. La Regione, con la sottoscrizione di questa mattina, ha assegnato al Comune di Silvi la quota a suo carico di 250.000 euro che si aggiungono ai 107.142 euro di fondi comunali derivati da entrate ex legge 10/77 (Bucalossi), per un totale di euro 357.142, somma prevista per la realizzazione dell’opera.

“Il raggiungimento di questo importante traguardo – ha detto l’assessore all’Ambiente del Comune di Silvi Alessandro Valleriani – ha richiesto un lavoro intenso e complesso dell’amministrazione comunale e dei nostri uffici tecnici. Siamo soddisfatti per l’esito positivo finale. Finalmente – ha detto l’assessore Valleriani – il Centro di Raccolta e l’area di trasbordo sarà realizzato e reso operativo, presumibilmente, entro il primo semestre del 2021. Un’opera questa che chiuderà il cerchio del sistema raccolta dei rifiuti del Comune di Silvi”.

“Abbiamo avuto qualche difficoltà – ha dichiarato il sindaco di Silvi Andrea Scordella – ma, con la tenacia e la collaborazione di tutti i soggetti preposti al rilascio dei relativi pareri e nulla osta, ne siamo venuti egregiamente a capo. Avuta l’assegnazione delle risorse a carico della Regione, ora procederemo a convocare l’ultima conferenza dei Servizi per la definizione dei dettagli del progetto e l’acquisizione del placet degli enti interessati alla realizzazione dell’opera. Si porrà così fine – ha aggiunto il sindaco Scordella – ai disagi sopportati finora dai cittadini, nonostante l’impegno dell’amministrazione e le soluzioni alternative concordate e messe in atto dalla ditta appaltatrice del servizio di raccolta RSU, per lo smaltimento e la raccolta di tutto il materiale che non va nella differenziata”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *