Sisma 2016: il Consorzio Stabile Rennova ricostruirà il nuovo ospedale di Amatrice

Sisma 2016: il Consorzio Stabile Rennova ricostruirà il nuovo ospedale di Amatrice

La costruzione del nuovo ospedale di Amatrice, distrutto a causa della forte scossa di terremoto che colpì il centro Italia nel 2016, sarà ricostruito dal Consorzio Stabile Rennova, capofila del raggruppamento temporaneo di imprese che si è aggiudicato la gara della Regione Lazio, che ha visto la partecipazione delle più importanti aziende italiane del settore. “ll nuovo ospedale di Amatrice ha una valenza simbolica non solo perché risorgerà in una zona disagiata, ma anche per essere il primo, nonché tra i più importanti, edifici pubblici della ricostruzione post terremoto di Amatrice.” – dichiara il presidente del Consorzio Stabile Rennova, l’Ing. Sabatino Di Giambattista- “ Il nosocomio Grifoni diventerà punto di riferimento per i servizi sanitari dei cittadini dell’area del cratere, con un’edificazione di oltre 12mila mq, per un importo di 20 mln di euro.” “Siamo chiamati a una grande responsabilità, non solo nei confronti del Committente, ma di tutta la popolazione che ha vissuto il terremoto. Realizzare l’ospedale significa soprattutto riportare speranza in questo territorio, materializzando una ricostruzione fino ad oggi ancora ferma.” – conclude il Presidente. Il Consorzio Stabile Rennova nasce nel 2009 e vede la presenza di tutte imprese della provincia teramana: Edilizia Polisini Fiorenzo Srl – Fracassa Rinaldo Srl – Gavioli Restauri Srl – Marcozzi Costruzioni Srl – Savini Appalti Srl – Fimav Srl – Clima Impianti Srl – Elettroidraulica Silvi Srl – Teknoelettronica Srl. Il Consorzio Stabile Rennova si è dedicato sia alla ricostruzione privata post sisma 2009, sia a importanti interventi di edilizia pubblica in tutta Italia: dai lavori di restauro a Palazzo Chigi, Quirinale e Corte dei Conti in Roma, ai nuovi poli scolastici di Pacentro (AQ) e Castegnato (BS), fino alle strutture sportive, come il nuovo palazzetto dello sport al Centro di Preparazione Olimpica e l’adeguamento dello Stadio Olimpico in Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *