Teramo, biblioteca “Delfico”: un box per la restituzione h24 dei prestiti

Teramo, biblioteca “Delfico”: un box per la restituzione h24 dei prestiti

Un box automatizzato per restituire a qualunque ora, 24 su 24, libri, documenti e dvd presi in prestito dalle biblioteche regionali di Teramo e L’Aquila. I punti di ritiro sono stati installati all’esterno della “Delfico” di Teramo e della “Tommasi” dell’Aquila. Il servizio è stato approntato per conciliare al meglio le esigenze dell’utenza con le prescrizioni che le strutture pubbliche devono rispettare a causa dell’emergenza sanitaria da Covid. I box sono attivi tutti i giorni della settimana. Ad ogni riconsegna i documenti vengono posti in quarantena prima di essere nuovamente prestati.

“E’ un servizio che riteniamo incontrerà il favore dei cittadini e di quanti si servono delle biblioteche regionali – commenta l’assessore alla Promozione culturale Daniele D’Amario – In questo senso, in un momento particolarmente difficile, le strutture culturali della Regione Abruzzo stanno garantendo tutti i servizi necessari nonostante le biblioteche siano particolarmente penalizzate dalle misure per il contenimento dell’epidemia. La biblioteca – sottolinea l’assessore – è centro di aggregazione e confronto, di scambi culturali e di condivisione di esperienze, di incontro degli studenti nelle ore del pomeriggio: tutti comportamenti che le norme di sicurezza vietano e obbligano le biblioteche a pagare un prezzo altissimo in termini di erogazione dei servizi culturali”.

Il sistema delle biblioteche regionali continua comunque a garantire il servizio di prestito (negli anni di gran lunga il più richiesto), con prenotazione email del libro o documento, e restituzione dello stesso che a Teramo e a L’Aquila ora si può fare h24. Dopo la riforma di parziale cancellazione delle competenze delle Province, le biblioteche provinciali sono passate sotto la gestione della Regione Abruzzo che in questo modo ha ampliato l’offerta costituendo il Polo Servizio Biblioteche Nazionali che raggruppa, su tutto il territorio regionale, 37 strutture culturali di diversa provenienza amministrativa. I centri culturali, dalle biblioteche alle emeroteche, per disposizione della normativa nazionale non sono aperti alla frequenza del pubblico ma in Abruzzo continuano a garantire all’utenza tutti i servizi necessari. “Tuttavia – chiarisce l’assessore D’Amario – a causa dei continui pensionamenti e pertanto della esiguità del personale ci sono difficoltà per l’apertura di alcune biblioteche, faccio riferimento a quelle di Rocca di Mezzo e Torre de’ Passeri, ma stiamo lavorando con gli enti locali per far sì che anche queste possano tornare a fiorire, confermando come l’attenzione della Regione Abruzzo verso la cultura sia alta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *