Teramo: contributo ministeriale per la biblioteca del Braga

Teramo: contributo ministeriale per la biblioteca del Braga

“Un contributo pari a 5mila euro per il potenziamento della Biblioteca interna del Conservatorio Statale di Musica ‘G.Braga’ con l’acquisto di nuovi volumi di pregio che arricchiranno la nostra disponibilità offrendo ai nostri studenti ulteriori strumenti di studio e approfondimento. È quello che ci ha assegnato il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, ammettendo anche la nostra Istituzione formativa al bando pubblicato lo scorso luglio. Un supporto fondamentale in un’epoca che, anche causa Covid-19, rischia di diventare sempre più digitalizzata, ma che invece deve anche riscoprire il gusto di sfogliare un volume per scoprire uno spartito antico o anche per svolgere le proprie ricerche”. Lo ha ufficializzato il Direttore del Conservatorio, il Maestro Federico Paci, non appena è stata notificata dal Ministero l’ammissione al finanziamento. “In un periodo di tale caos anche normativo e procedurale che, inevitabilmente, coinvolge il mondo della didattica e dell’istruzione, comunque sostegni governativi all’attività che ciascun Istituto svolge sono fondamentali – ha sottolineato il Direttore Paci -. Lo scorso luglio il Ministero ha pubblicato il bando rivolto espressamente e specificatamente alle Biblioteche italiane offrendo la possibilità di beneficiare di un contributo finalizzato all’acquisto di libri, anche a sostegno della filiera dell’editoria libraria, ma soprattutto per supportare le nostre strutture nell’attività di potenziamento del patrimonio didattico-culturale che custodiamo tra le nostre mura, a disposizione di appassionati, cultori della materia, ricercatori e studenti. Ovviamente anche il Conservatorio ‘Braga’ ha presentato la propria candidatura, e siamo stati ammessi al finanziamento per un importo pari a 5mila euro. Ora i tempi per definire la procedura sono stretti: entro il 30 settembre dovremo procedere con l’acquisizione dei volumi di nostro interesse, effettuando gli acquisti almeno per il 70 per cento in tre diverse librerie della città o della provincia o comunque della regione, al fine di sostenere, evidentemente, anche l’economia territoriale, ed entro il 31 ottobre dovremo inviare al Ministero gli opportuni riscontri. Questo significa poter dotare la Biblioteca del ‘Braga’ di gioielli dell’editoria musicale che ovviamente entreranno a far parte della Bibliografia del nostro Istituto, che già oggi è un centro di riferimento d’eccellenza per coloro che lavorano nella ricerca di settore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *