VIDEO | Teramo dai due volti: a Francavilla rischia ma conquista un punto prezioso (1-1)

VIDEO | Teramo dai due volti: a Francavilla rischia ma conquista un punto prezioso (1-1)

Il Teramo torna a casa con un punto prezioso da Francavilla Fontana, casa della Virtus, pareggiando con Di Francesco (seconda rete in campionato) la rete a freddo di Castorani. Un avvio complicato per i biancorossi, già partiti male sette giorni prima a Terni dove erano sotto dopo sei minuti: pochi secondi e Castorani chiama in causa Lewandowski. E’ la prova generale del gol: il portiere polacco, protagonista di tanti interventi provvidenziali, al 3′ si oppone a Di Cosmo ma sulla ribattuta è proprio Castorani a portare in vantaggio i suoi. La squalifica di Ilari toglie peso specifico in mezzo al campo ai biancorossi che soffrono le verticalizzazioni pugliesi per gli attaccanti Perez e Vasquez. Il Diavolo balla per tutto il primo tempo e la difesa va in affanno. All’8′ colpo di testa insidioso di Perez che impegna Lewandowski. La prima conclusione vera del Teramo arriva al 24′ con un rasoterra di Pinzauti a fil di palo. Al 28′ Bombagi prova a risolvere direttamente su punizione: destro a giro alto di poco. La formazione di Paci dà segnali di ripresa ma le punte virtussine sono sempre pericolose: al 32′ il solito Perez chiama alla respinta il pronto Lewandowski. Ora la partita sembra più aperta e il gol può arrivare da una parte e dall’altra. Buon per il Teramo che a gonfiarsi sia la rete del Francavilla: è il 37′ quando Di Francesco taglia verso il centro e calcia a rete la palla puntuale di Costa Ferreira.

Il pari restituisce tranquillità al Teramo che nel secondo tempo rientra più sicuro in campo. Paci sistema la difesa con la fisicità di Lasik a destra che permette a Diakitè di scivolare al centro e reggere meglio di Piacentini i duelli con gli attaccanti avversari. Dopo una conclusione di Vasquez al 56′ verso Lewandowski, arriva al 62′ la più grande opportunità della partita per i biancorossi: Crispino è doppiamente miracoloso nella stessa azione, prima su Di Francesco e poi sul destro da fuori di Lasik. L’azione si spegne con le proteste del Teramo per un fallo di mani in area non ravvisato dall’arbitro. Il Teramo continua a crederci più della Virtus Francavilla e sfiora con mano la vittoria fino al 92′ quando l’ultima parata di Crispino sancisce l’1-1 finale. Arrigoni e compagni scivolano al terzo posto, complice la vittoria del Bari sul Catanzaro, e domenica attendono la Vibonese allo stadio “Bonolis”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *