Teramo, fondi al Conservatorio “Braga”: Befacchia loda la sinergia tra gli enti

Teramo, fondi al Conservatorio “Braga”: Befacchia loda la sinergia tra gli enti

“L’assegnazione del fondo da 270 mila euro destinato al Conservatorio statale di musica ‘G. Braga’ di Teramo quale ristoro per le enormi spese sostenute dal 2016 in poi, in seguito alle conseguenze strutturali del terremoto, rappresentano più di una boccata d’ossigeno”. È il commento del presidente del Conservatorio di Teramo Lino Befacchia qualche giorno dopo l’ufficializzazione dell’assegnazione dei contributi al ‘Braga’. “Quel contributo – spiega Befacchia – rappresenta una speranza per la nostra struttura didattico-musicale, un segno tangibile di sostegno, ed è soprattutto il frutto di una strepitosa sinergia e collaborazione intercorse tra tutti gli enti e che ha visto schierati in prima linea Gabriele Minosse presidente del Consorzio BIM Vomano-Tordino di Teramo, il sindaco di Teramo Gianguido D’Alberto e il sottosegretario alla presidenza della Regione Abruzzo Umberto D’Annuntiis. Sono stati vicini al nostro Conservatorio, lo hanno sostenuto, lo hanno difeso sui tavoli nazionali, hanno rappresentato le nostre ragioni, ci hanno restituito il nostro ruolo di patrimonio della città di Teramo e della Regione Abruzzo. Ora – assicura Befacchia – ci tiriamo su le maniche e cominciamo un’arrampicata per aprire una nuova stagione di idee, progetti e investimenti”.

“Il principio per il quale mi sono battuto sin da quando ho accettato la presidenza dell’ente – ricorda il professore – e che non mi stancherò mai di ripetere è che il Conservatorio ‘Braga’, con la sua storia ultracentenaria, è parte della storia di Teramo, è patrimonio della città stessa, che deve difendere le sue ricchezze e risorse e non può restare indifferente dinanzi a difficoltà oggettive, che si traducono nelle difficoltà dei propri ragazzi che studiano nei nostri spazi, dove crescono talenti. Noi abbiamo dimostrato con la musica, l’impegno, la passione, che il ‘Braga’ è Teramo, è una delle sue componenti migliori, più belle ed entusiasmanti. Oggi finalmente abbiamo visto ripagati i nostri sforzi. Lo abbiamo visto nell’impegno del presidente del BIM Minosse quando già a febbraio 2019 ci ha suggerito, indicandoci l’esatto percorso amministrativo, di rivolgerci alla SMEA, la struttura di missione per il superamento delle emergenze della Protezione civile, per chiedere il rimborso dovuto e utile al fine di compensare le uscite ingenti necessariamente sostenute per i traslochi del Conservatorio dopo che il terremoto del 2016 ha reso inagibile la sede storica di piazza Verdi. Lo abbiamo letto – prosegue Befacchia – nella vicinanza del Comune di Teramo con il sindaco D’Alberto che ci ha supportato nel raccogliere tutta la documentazione necessaria al fine di trasmetterla attraverso la Regione Abruzzo. E qui lo abbiamo ancora vissuto attraverso la totale disponibilità del sottosegretario alla presidenza della Regione Abruzzo Umberto D’Annuntiis, già concretamente vicino alla vita del nostro ente in passato, e la cui presenza è stata strategica, cruciale e preziosa nell’esemplificare le operazioni amministrative necessarie, che ci ha permesso di ridurre anche i tempi. Senza il suo know how e la sua esperienza procedurale non saremmo mai riusciti ad arrivare alla meta, non avremmo avuto alcuna possibilità di chiudere l’iter. Ecco perché – riflette ancora il presidente del Conservatorio teramano – ritengo l’erogazione di quel fondo come la fotografia perfetta di una conquista collettiva in cui è nostro dovere istituzionale riconoscere e ringraziare ciascuno dei protagonisti. E il nostro successo, ottenuto remando tutti insieme e nella stessa direzione, si traduce oggi nel successo della città di Teramo stessa, che può contare con maggiore serenità sulla presenza sul territorio di un Conservatorio più forte e pronto a ripartire con slancio ed entusiasmo”.

Per il futuro dell’ente Befacchia garantisce che “quella somma ci permetterà di investire non solo su un personale altamente qualificato e professionalmente preparato, ma anche sul Conservatorio, sulle sue infrastrutture, acquistando nuove strumentazioni, completando il riallestimento del nostro museo, ci permetterà di investire sui ragazzi, sugli studenti, la cui preparazione è la migliore testimonianza dell’elevato livello didattico offerto dal ‘Braga’. Attendiamo solo la conclusione dell’emergenza Covid-19 per tornare sulla scena – conclude Lino Befacchia – e nel frattempo rivolgo il mio ringraziamento anche a tutto il personale del ‘Braga’, al corpo docente e non, per l’abnegazione dimostrata nel sostenere anche nelle difficoltà la nostra struttura, e soprattutto nel periodo dell’emergenza sanitaria, continuando a lavorare con passione accanto ai nostri allievi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *