Teramo, il centrodestra a D’Alberto: “La smetta con le polemiche e agisca”

Teramo, il centrodestra a D’Alberto: “La smetta con le polemiche e agisca”

I gruppi di centrodestra al Comune di Teramo tornano ad attaccare il sindaco Gianguido D’Alberto reo, secondo il coordinamento rappresentato da Alberto Covelli, di non perdere occasione per creare polemiche. Se le opposizioni comunali, infatti, vengono sistematicamente richiamate allo spirito di collaborazione ogni volta che “lamentano carenze nell’attività di governo della città da parte del centrosinistra”, il primo cittadino “invece di proporre ed attuare soluzioni per il nostro territorio si diletta ormai da tempo a polemizzare nei confronti di tutto e tutti, Ruzzo, Asl e da ultimo incredibilmente anche con i vertici regionali”.

A proposito delle critiche rivolte da D’Alberto alle ordinanza del presidente della Regione Marco Marsilio, il centrodestra teramano ritiene “fuori luogo” il fatto che il sindaco lamenti una mancanza di condivisione con i primi cittadini abruzzesi. “Appare utile ricordare al sindaco D’Alberto, peraltro, che anche lui ha adottato tale linea operativa nella gestione della crisi e che anzi non si è confrontato affatto, neanche con il Consiglio comunale – contesta l’opposizione – Ribadiamo nuovamente al sindaco che sarebbe bene concludere la fase delle polemiche ed iniziare la stagione dell’agire. La nostra città ha necessità di scelte coraggiose, la nostra città ha necessità di manutenzioni, la nostra città ha necessità di tutela del commercio con misure puntuali e di vero sostegno al settore che altrimenti rischia una vera e propria desertificazione con un pesante riverbero su tutta la nostra comunità, la nostra città ha necessità di visibilità ma non quella personale del sindaco derivante dalle polemiche quanto piuttosto quella che merita come capoluogo di provincia”.

Replicando alle critiche mosse a Marsilio, il sottosegretario alla presidenza della Giunta regionale, Umberto D’Annuntiis, ha definito D’Alberto “sindaco parlante”. Per i gruppi di centrodestra teramani, “la nostra città ha necessità anche di un sindaco facente”. Gli esempi, in casa centrodestra, arrivano da comuni vicini (Giulianova e Campli), ma anche da Atri il cui sindaco Piergiorgio Ferretti “nel mese di marzo si è prontamente attivato segnalando alla Asl, e pure a lei (D’Alberto, ndr) come presidente del comitato ristretto, tutte le necessità, procedure e sicurezze necessarie presso l’ospedale di Atri; ha fatto e non ha detto, ed i risultati sono evidenti. Proprio il contrario di quello che succede a Teramo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *